Anticipi 7^ giornata Serie A: un paio di imprecisioni di Banti ma polemiche del tutto fuori luogo

Come prevedibile e qualunque fosse stato il risultato finale, Banti al centro di polemiche per alcune decisioni contestate.
Banti che, oggettivamente, è inciampato in un paio di imprecisioni ma le polemiche sulla sua direzione complessiva sono del tutto fuori luogo.

Roma – Lazio 3-1, arbitro Rocchi

Prestazione eccezionale del fiorentino che mostra ancora una volta una sicurezza tecnica inarrivabile, perlomeno ad oggi, tra gli arbitri di Serie A.

L’episodio controverso al 20esimo del primo tempo.
Su una rimessa laterale operata da Lulic, Milinkovic Savic viene fermato per fuorigioco:

Errore clamoroso. Come ben sappiamo il fuorigioco non esiste su tre situazioni di gioco:
– calcio di rinvio;
– calcio d’angolo;
– rimessa laterale.
Rocchi si accorge immediatamente dell’errore e si scusa con tutti, in particolare con Milinkovic Savic:

Non ho alcuna intenzione di sollevare dalle sue responsabilità l’arbitro ma è anche giusto riportare le giuste proporzioni: l’errore è da dividere tra lui (20%) e l’assistente Di Liberatore (80%) che solleva la bandierina per una distrazione. Altre spiegazioni non ci sono dato che ci troviamo di fronte non solo ad uno degli assistenti di Rocchi al Mondiale e che lo segue da anni in tutte le gare internazionali (assieme a Tonolini, anch’egli presente all’Olimpico ieri pomeriggio). Di Liberatore è sicuramente tra i migliori assistenti del mondo ma, purtroppo, questi svarioni possono capitare.
Sbagliato e profondamente ingiusto mettere il croce una persona per un singolo errore. Sbagliato soprattutto limitarsi a questo episodio nel contesto di una gara nella quale lo stesso Di Liberatore si è distinto per alcune valutazioni di incredibile difficoltà come al 30esimo su Immobile

od all’85esimo in occasione della terza rete della Roma

In particolare, sulla terza rete della Roma, la valutazione è da applausi: posizione regolare di Fazio (come certificato dal VAR che, come sappiamo, non ha più margini di errore sul fuorigioco) di millimetri.
Chiaramente l’errore rimane e la penalizzazione sarà inevitabile: anche in ambito arbitrale non può essere sottaciuto una svista di questa portata ma rientriamo nel solito concetto: un essere umano, per quanto talentuoso, può sbagliare.

Inter -Cagliari 2-0, arbitro Massa

Una buonissima prestazione dell’arbitro ligure sul quale pesano, però, tre minuti di errori.
Al 70esimo il Cagliari si procura un calcio d’angolo dopo aver beneficiato dell’applicazione della norma del vantaggio in seguito ad un fallo di Politano su Pavoletti:

Norma del vantaggio perfettamente applicata da Massa che, però, a fine azione sorvola sul fallo di Politano che, accortosi dell’eccessiva irruenza, si scusa col pallone ancora in gioco:

Purtroppo sta diventando quasi la normalità che, una volta applicata la norma del vantaggio, l’arbitro non intervenga disciplinarmente su infrazioni chiare come questa.
E’ una scelta condivisibile nel caso in cui si tratti di spinte, trattenute o falli di mano ininfluenti (dato che l’irregolarità non impedisce, come in questa ipotesi, il concretizzarsi di un’azione potenzialmente pericolosa); è una scelta senza alcun senso se il fallo sul quale si è deciso (giustamente) di concedere il vantaggio è stato commesso con imprudenza, come nel fallo di Politano su Pavoletti. E’ vero che l’azione è potuta continuare grazie alla perfetta interpretazione dinamica dell’arbitro ma un fallo imprudente rimane tale. Politano doveva essere ammonito dopo la conclusione dell’attacco cagliaritano.

Sugli sviluppi del calcio d’angolo conquistato, il Cagliari pareggia con una rete realizzata dal capitano Dessena:

Il dubbio che qualcosa di poco chiaro fosse avvenuto lo abbiamo avuto anche in presa diretta.
Dessena, subito dopo la segnatura, si volta verso l’arbitro, come se fosse egli stesso consapevole di qualcosa sfuggito all’occhio di Massa.
La rete è palesemente irregolare:

Le immagini mostrano il braccio sinistro di Dessena deviare in rete il pallone proveniente dal calcio d’angolo e tale deviazione è tutt’altro che casuale: il capitano del Cagliari cerca il pallone ponendo in essere un chiaro tentativo di ingannare l’arbitro.
Ricordiamo che tale comportamento è da sanzionare con il cartellino giallo, come espressamente evidenziato dal regolamento (pagina 93, Regola 12):

Su questo episodio e sull’utilizzo del VAR c’è una precisazione importante su cui soffermarsi.
Dopo aver convalidato la rete (impossibile da vedere in presa diretta dato che Massa si trova a 20 metri di distanza, nella posizione concettualmente perfetta sui calci d’angolo), l’arbitro viene richiamato alla “on field review“:

La visione diretta dell’episodio NON E’ una scelta dell’arbitro e nemmeno del VAR.
La “on field review” è obbligatoria in questi casi.

Non c’entra assolutamente nulla che l’episodio sia chiaro a tutti: si tratta di un tocco di mano sulla cui volontarietà può decidere SOLO ED UNICAMENTE il direttore di gara, anche per valutare eventuali provvedimenti disciplinari per comportamento antisportivo.
Ora, personalmente fatico a comprendere come sia possibile che, dopo un anno e mezzo, anche taluni tifosi non abbiano compreso questo facilissimo concetto (la differenza tra un episodi soggettivo ed uno oggettivo come il fuorigioco, sul quale NON è prevista la “on field review” tranne rare eccezioni).
Se da un lato fatico a comprendere il tifoso, dall’altro trovo assolutamente inconcepibile che alcuni giornalisti che si occupano della materia e che dovrebbero conoscere perlomeno il protocollo si stupiscano della review di Massa, generando una confusione pazzesca nei lettori che, giustamente, si fidano di chi dovrebbe essere meglio informato.

Al ritorno sul terreno di gioco, dunque, Massa annulla la rete e sanziona col cartellino giallo Dessena per comportamento antisportivo.
Ed è questo il momento in cui l’arbitro commette l’errore più grave della sua gara. Dopo la decisione (indiscutibile) di Massa, il capitano Dessena passa non di poco i limiti delle proteste tollerabili, urlando a pochi centimetri dalla faccia del direttore di gara:

Proteste senza senso (a maggior ragione di fronte ad un mezzo televisivo che ha mostrato la chiarissima infrazione) che avrebbero dovuto essere punite col cartellino rosso immediato. Il secondo cartellino giallo sarebbe stato in qualche modo supportabile ma che Dessena sia rimasto in campo non è scusabile in alcun modo.
Non conta nulla il buon senso o il “comprendere lo stato d’animo del calciatore” (affermazione incredibile…): se un calciatore si comporta in questo modo deve essere espulso e fine delle discussioni. Vanno bene (e sono da apprezzare) le scuse a fine gara ma ciò non toglie che sia intollerabile assistere a certe sceneggiate lasciandole impunite.

Juventus – Napoli 3-1, arbitro Banti

Nel complesso una prestazione di buon livello dell’arbitro livornese, giustamente scelto per la direzione del match clou della giornata in virtù di un inizio di campionato di altissima qualità. Qualche imprecisione dal punto di vista disciplinare ma le polemiche sollevate nel dopo gara appaiono del tutto fuori luogo.

Al minuto 21 Banti sanziona col solo calcio di punizione un fallo di mano di Chiellini:

Nulla da eccepire sulla scelta, il fallo di mano del difensore della Juventus è chiaramente volontario.
Sbagliato non ammonire.
Una precisazione: non andava ammonito per aver colpito volontariamente il pallone con un braccio, dato che tale infrazione è rilevabile solo sulla base della volontarietà. Se Chiellini avesse colpito il pallone senza volontarietà, il fallo non andava nemmeno rilevato.
Il motivo per cui Chiellini doveva essere sanzionato disciplinarmente è da rinvenire nell’aver interrotto un’azione potenzialmente pericolosa (SPA) che avrebbe sfruttato spazi liberi ed una disposizione degli avversari sbilanciata (ben sei calciatori della Juventus si sarebbero trovati davanti alla linea del pallone).

Al minuto 23 fallo di Mario Rui su Pjanic, a 5 metri dall’arbitro, in posizione perfetta per valutare il contatto:

Cartellino giallo indiscutibile: tackle in ritardo ed imprudente. Poco conta che Mario Rui colpisca l’avversario di striscio. Al contrario si dovrebbe essere sollevati dalla circostanza poiché, col piede di Pjanic piantato a terra, un colpo diretto avrebbe potuto creare il rischio di danni maggiori per il centrocampista.

Al 54esimo fallo di Hysaj su Alex Sandro, trattenuto per la maglia dopo aver saltato l’avversario:

Nulla da eccepire sulla sanzione tecnica: la trattenuta c’è tutta ed è corretto interrompere il gioco.
Sbagliata, al contrario, la scelta disciplinare ed è sbagliato paragonare questo episodio al fallo di mano di Chiellini: nel caso precedente il Napoli avrebbe avuto campo aperto per un’azione potenzialmente pericolosa, in questa circostanza Alex Sandro e la Juventus avrebbero avuto 10 calciatori avversari da superare per arrivare a 90 metri di distanza (e, in ogni caso, è difficile ipotizzare un’azione veloce di ripartenza, data la disposizione dei calciatori come evidenziato nel primo fotogramma).

Al minuto 59 l’episodio centrale, con ben tre cartellini sventolati da Banti.
Mario Rui contrasta Dybala all’altezza dei 40 metri difensivi del Napoli:

Anche in questo caso le polemiche appaiono del tutto fuori luogo: contrasto di Mario Rui totalmente inutile e senza alcun dubbio imprudente. Se Banti non avesse ammonito il difensore del Napoli, staremmo parlando di un errore da matita blu. Il secondo cartellino giallo, pertanto, non è frutto di superficialità ma doveroso.

In conseguenza dell’espulsione per doppia ammonizione, si sviluppa una “mass confrontation” che coinvolge parecchi giocatori, in particolare Allan e Bonucci. Quest’ultimo reagisce ad uno spintone di Allan appoggiando la testa sull’avversario:

Mettiamo in chiaro un concetto: il comportamento di Bonucci è inescusabile. O, se vogliamo essere ancor più chiari, una stupidata.
Altrettanto vero che tale comportamento va considerato come antisportivo e non certo violento:
il difensore della Juventus appoggia solamente la testa su Allan, non lo colpisce. Nulla conta la sceneggiata (anch’essa ingiustificabile) di Allan che stramazza al suolo come se fosse stato colpito da un meteorite. Corretta l’ammonizione di Bonucci che, per inciso, dovrebbe piantarla di agire come giustiziere solitario.

Al minuto 85 altro cartellino giallo per un fallo senza senso di Alex Sandro su Albiol:

Fallo inutile e punito col cartellino giallo. Considerando il pallone già lontano, non sarei stato stupito del cartellino rosso che, forse, avrebbe punito più correttamente la sciocchezza del difensore della Juventus, autore di un fallo gratuito ed in una zona del campo non pericolosa per la sua squadra.

Al minuto 87 l’ultimo episodio che dimostra quanto siano strumentali talune polemiche.
Ronaldo tira in porta in posizione di fuorigioco.
Non posto nemmeno l’immagine relativa: Ronaldo era oltre il penultimo difendente di almeno un metro.
Bravo l’assistente Vuoto ad alzare immediatamente la bandierina, meno bene Banti che fischia in questo momento esatto:

Posizione di fuorigioco sanzionata dopo che Ronaldo aveva già tirato in porta.
Probabilmente, memore di quando accaduto due settimane fa in Udinese-Torino, Banti ha preferito lasciar concludere l’azione per evitare che il VAR non potesse correggere il suo secondo assistente.
Eccesso di zelo fuori luogo ma ancor più fuori luogo le proteste del Napoli per la mancata ammonizione di Ronaldo: avendo Banti lasciato proseguire, Ronaldo ha calciato a pallone in gioco, non commettendo alcuna infrazione.

165 commenti
  1. Francesco
    Francesco dice:

    Incredibile come lei abbia avuto la voglia/pazienza di rispondere a tutti i commenti. Complimenti.
    Sul mani di Chiellini, stiamo parlando di un lancio dalla 3/4 del Napoli, con 4 in difesa della Juve, ad eccezione di Chiellini che ovviamente era a ostacolare il passaggio. Quindi nella migliore delle ipotesi era un 4vs4, dire che quella poteva essere un’azione potenzialmente pericolosa ci stà, ma forse non così tanto come se fosse nella metà campo juventina.
    Saluti

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Però Chiellini, centrale difensivo, era del tutto tagliato fuori: e sai che vuol dire…

      Sulla pazienza: cerco di star dietro a tutti, sarebbe perlomeno poco rispettoso non rispondere a chi chiede una delucidazione.
      Poi è chiaro che ci sarà sempre qualche insultatore seriale, qualche diffamatore (e spesso finiscono alla polizia postale), qualche commento poco educato che cestino.
      Chi scrive educatamente (anche in totale disaccordo) merita rispetto per il tempo utilizzato per scrivere un commento.

  2. andrea76
    andrea76 dice:

    Concordo con la valutazione degli episodi, un paio di postille: può darsi che allan fosse nervoso quando ha chiesto il giallo a Ronaldo, ma già 5 minuti prima Ronaldo aveva tirato in porta ad azione ferma;
    in diretta mi era sembrato severo il giallo a koulibally

  3. Andrea
    Andrea dice:

    Ciao, Luca.
    Ho riguardato molte volte l’ammonizione di Hysaj: Banti non lo ammonisce subito dopo il fallo ma dopo un po’ di secondi. Banti estrae il cartellino quando Hysaj va verso di lui correndo, alzando il braccio destro in segno di protesta e gridando qualcosa. Può aver dato l’ammonizione per qualche parolina di troppo invece che per la trattenuta?!

  4. Fabio
    Fabio dice:

    La sua disamina è quasi perfetta…se mi è permesso volevo fare alcune considerazioni:
    1) contesto a Banti l’odioso due pesi e due misure: se nn ammonisce chiellini e soprattutto pjanic x trattenuta su Martens dopo nn puoi ammonire Hysaj x una leggerissima tirata di maglia a 90 metri dalla porta;
    2) Allan spintona Bonucci dopo che quest’ultimo gli da un buffetto sulle labbra e quindi vorrei chiedere se questo comportamento nn sia meritevole del rosso visto che prima mette le mani e poi la testa su un avversario;
    3) da fastidio x come viene sanzionato il secondo giallo a Mario Rui: se si vede l’immagine l’arbitro fa segno con la mano di proseguire x poi cambiare idea (chiamato dal 4° ufficiale, dal VAR o cambio decisione a seguito delle veementi proteste?);
    4) dopo l’espulsione cancelo commette un fallo duro su zielinski, xké nn lo ammonisce?
    5) l’immagine da lei postata del fallo di Alex Sandro su albiol è da rosso xké il terzino dopo il primo colpo prosegue ilsuo fallo con l’altro piede prendendo a forbice lo spagnolo;
    Se alla partita dai un indirizzo vale x entrambe le squadre, nn puoi ammonire koulibaly e poi nn ammonire cancelo..delle due l’una…x nn ripetere subqyanto sopra descritto…spero ke trovi tempo x rispondere

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      1 – Concordo, come ho scritto;
      2 – Vero ma in quel caso Banti ha dovuto operare una scelta: se avesse dovuto ammonire tutti quelli che hanno spintonato gli avversari, avrebbe dovuto estrarre dieci cartellini. Ha preferito punire Bonucci ed Insigne, il più agitato nelle fila del Napoli. Scelta che approvo;
      3 – E’ stato richiamato dall’assistente perché non aveva visto nulla (lo si nota anche dalla foto, con la testa spostata a destra per liberarsi dell’ostruzione visiva di un calciatore di fronte a lui);
      4 – Perché non l’ha ritenuto tale da essere considerato imprudente. E’ una decisione che mi trova d’accordo sebbene fosse molto al limite della SPA;
      5 – Mi sono già espresso.
      6 – Koulibaly è da giallo senza discussione, su Cancelo è un fallo del tutto differente ed in posizione del campo diversa.
      Ciao.

  5. Gennaro L
    Gennaro L dice:

    Ma si può commentare una partita dichiarandola “falsata” per un’ammonizione invertita?
    Io mi vergognerei a pensarla così, tanto vale non seguire più il calcio.
    Grazie Luca per il servizio che rendi a tutti noi sportivi e tifosi, ci voleva una voce imparziale in questo settore, da sempre popolato di figurine al limite del grottesco.

    p.s. Alex Sandro in diretta mi sembrava rosso, al replay ho parzialmente ammorbidito la mia opinione ma è un fallo stupido e imprudente.

  6. Marco
    Marco dice:

    Buongiorno Luca. Innanzi tutto la ringrazio: da quando ho scoperto il suo blog, è il mio punto di riferimento per qualsiasi valutazione degli episodi. Devo ammettere però che faccio fatica ad accettare come in occasione di Bologna – Torino disse che, una volta alzata la bandierina, l’arbitro non poteva che interrompere il gioco immediatamente e non c’era margine per altro comportamento. Mentre stavolta spunta fuori uno “zelo” al fine di permettere la corretta valutazione dell’azione, nel caso del fuorigioco di Ronaldo. Cordiali saluti

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      No, aspetta, non confondere i piani: in Bologna-Torino l’assistente avrebbe dovuto attendere la conclusione dell’azione per poi, eventualmente, segnalare il fuorigioco.
      A Torino l’assistente ha giustamente alzato la bandierina subito e Banti ha preferito (memore di quanto accaduto ieri ad Udine 10 giorni fa) far concludere l’azione. Detto ciò, la richiesta di ammonizione di Ronaldo per aver calciato in porta è veramente ai limiti del ridicolo: non si può pensare di valutare una gara in questo modo, meglio dedicarsi ad altro.

      • marco
        marco dice:

        Esatto. Non mi interessa commentare l’ammonizione a Ronaldo, mi concentro su un altro aspetto. In entrambi i casi gli assistenti hanno alzato immediatamente la bandierina. Ma mentre a Bologna lei ha detto che l’arbitro non poteva fare altro che fischiare istantaneamente, a Torino è spuntata una accortezza e uno “zelo” che prima non c’erano stati. Se questo zelo si fosse applicato anche per il Torino, ci sarebbe un episodio importante in meno su cui recriminare. Grazie per l’attenzione

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Ed infatti ho scritto “eccessivo zelo”: avrei fischiato subito, tanto netto era il fuorigioco.
          Il problema è sempre lo stesso: se non si accetta la fallibilità dell’uomo arbitro, allora non possiamo che continuare con polemiche vuote.

  7. Paolo Battimiello
    Paolo Battimiello dice:

    Egregio Marelli,

    vorrebbe fare un piccolo esperimento ?
    in Juventus-Napoi, può esaminare tutti i falli di Cancelo e di Mario Rui ed esprimere un parere sul metro di giudizio di Banti ?

    Grazie
    Paolo

  8. Guido
    Guido dice:

    Buongiorno Luca, complimenti non rituali, una riflessione su Massa in cui vedo un talento. Possibile che una diciamo flessione psicologica sul piano disciplinare sia “anche” la conseguenza della tipologia dei designatori avuti? Se la memoria non mi tradisce col compianto Farina era tutt’altro che avaro di cartellini scarlatti.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      No, non credo.
      Su Massa siamo d’accordo: aggiungo che, secondo me, è l’unico vero talento tra i giovani ma deve ancora fare un passetto avanti alla voce “personalità”, dopo l’enorme miglioramento della scorsa stagione in termini tecnici e disciplinari.
      Ce la può fare, ha tutti i mezzi per diventare un grande arbitro.

  9. Alessandro
    Alessandro dice:

    Per quale motivo una trattenuta di maglia come quella di Hysaj non viene più punita automaticamente con il giallo? È vero che l’azione non era pericolosa, ma è anche vero che è un intervento che non ha alcuna possibilità di toccare il pallone e serve solamente a fermare l’avversario…

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Perché non è più prevista come ammonizione automatica da anni ma punibile disciplinarmente se attuata per impedire quella che in gergo viene definita “ripartenza”.

  10. ANDREA NICORA
    ANDREA NICORA dice:

    Ti posso chiedere un parere tecnico relativamente al fallo di Zielinski su Dybala al 37′ del primo tempo? Grazie

  11. Michele
    Michele dice:

    Buonasera dottor Marelli, innanzitutto complimenti per la professionalità e il costante equilibrio che contraddistingue le sue valutazioni.
    Ho una domanda da farle: è possibile (o meglio, giusto) che l’arbitro ammonisca il giocatore che subendo un contatto minimo faccia una sceneggiata per indurre l’arbitro a espellere quello che l’ha appena toccato?
    Nel caso specifico di ieri, che prendo come esempio, Banti avrebbe potuto ammonire Allan che, toccato appena da Bonucci (giustamente ammonito), si è rotolato per terra provando a ingannare l’arbitro stesso per cercare l’espulsione di Bonucci?
    Mi sembra un comportamento altamente antisportivo e purtroppo sempre più frequente con giocatori che fingono in modo estremamente palese per tentare di far espellere gli avversari, comportamento che però solitamente non viene sanzionato. Grazie!

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Poteva ammonirlo ma ha preferito (a mio parere correttamente) ammonire Bonucci ed Insigne (lasciatosi andare a proteste poco urbane).
      Grazie dell’apprezzamento, fa sempre piacere.

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Nessuna regola, come ho scritto: semplicemente è una scelta che condivido evitare il giallo ad Allan e preferire la sanzione ad Insigne che aveva superato (e non di poco) i limiti tollerabili.

          • Antonio
            Antonio dice:

            Ti capisco, ma secondo me piuttosto che scelte “di sensibilità” è meglio applicare il regolamento. Per me le simulazioni vanno punite tutte sempre. Sono una delle cose più schifose del calcio.

          • Luca Marelli
            Luca Marelli dice:

            Non c’è dubbio e sono il primo a pensare che le simulazioni vadano punite sempre.

            Rispondo anche alla mail che hai inviato: No, per simulazione è previsto calcio di punizione indiretto e cartellino giallo.

  12. Imma
    Imma dice:

    Il problema dell’arbitraggio di ieri di Banti e che ai giocatori del Napoli non ha perdonato niente, ammonendoli appena c’era la possibilità, mentre con quelli della Juventus è stato molto più permissivo ammonendo il primo giocatore x scorrettezze al 70 minuto, mentre avrebbe potuto farlo molto prima visti i falli di Alex Sandro, Chiellini e Cancelo.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Il primo ammonito della Juventus è stato Bonucci al 59esimo.
      Nel primo tempo Chiellini andava ammonito, le altre due sono falli nella norma.
      Se si inventano i fatti, tutto diventa poco credibile.

      • Pasquale
        Pasquale dice:

        Alex Sandro nel primo tempo “investe” Hjsay facendolo finire contro i cartelloni pubblicitari sul fondo senza nessuna possibilità di prendere il pallone…manca il giallo probabilmente. Cancelo fa un fallo su Zielinski identico a quello di Koulibaly e, a differenza di quest’ultimo, non viene ammonito. Pjanic nel primo tempo fa fallo su Mertens in ripartenza l, da dietro, mettendogli anche le mani in faccia…niente giallo…

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Hai dimenticato le cavallette.
          Sta diventando ridicola questa ricerca di ammonizioni mancanti che non mancano.
          Evitate di guardare quel video DEMENZIALE che sta circolando: date solo visibilità a chi ha montato quella cretinata.

          • enrigo
            enrigo dice:

            Ok, il video ha un sacco di inesattezze, concordo, ma il fallo di Sandro su Hysaj non è oggettivamente da giallo? Gli salta sulla schiena scaraventandolo sui cartelloni. Cancelo per me fallo normale su Zielinski, e altrettando quel fallo su Mertens, non c’era nessuna ripartenza. Ma Sandro è giallo netto. Al 60esimo c’erano 4 ammonizioni per il Napoli e ancora nessuna per la juventus. Non condiziona avere tutta la difesa ammonita e nessuno degli avversari?

          • Luca Marelli
            Luca Marelli dice:

            No, non è da giallo: è semplicemente una carica irregolare. Eccessiva, ne convengo, ma nei limiti dell’agonismo. Se si dovesse ammonire anche per questi episodi, le gare verrebbero sospese per mancanza del numero legale dopo un quarto d’ora.

  13. Carmine Vergara
    Carmine Vergara dice:

    Da tifoso del Napoli, se posso considerare tutto sommato ineccepibili le decisioni assunte nei confronti dei giocatori del Napoli, sono fortemente rammaricato dal mancato giallo a Chiellini al 21′ soprattutto perché nello sviluppo della partita lo avrebbe costretto a giocare con la spada di Damocle del secondo giallo. Non trovo giusta nemmeno la mancata ammonizione di Ronaldo che in ben due occasioni ha tirato in porta dopo la chiamata di fuorigioco.

      • francesco
        francesco dice:

        “legalizzato” anzi già lo è, il fallo di mano in ripartenza a distanza dalla porta avversaria… Spesso i calciatori non conoscono il regolamento, rischiare una punizione è meglio del rischiare una ripartenza….

  14. Giulio
    Giulio dice:

    Buongiorno, Luca.
    Volevo chiederti lumi sul primo gol (regolare il contatto di El Shaarawy su Luiz Felipe? https://twitter.com/twitter/statuses/1046034107438964737) e sul secondo gol della Roma: l’azione che porta alla punizione poi trasformata da Kolarov mi sembra che parta da una di Dzeko ad un avversario (peraltro, per un momento rilevata anche in telecronaca Sky ma poi non se n’è più parlato). Ti ringrazio anticipatamente per la tua precisione e professionalità.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Entrambi i contrasti sono nei limiti.
      Non commettere l’errore di chi, strumentalmente, va a cercare falletti o presunti tali all’origine delle azioni per lamentarsi di un errore arbitrale: se dovessero essere considerati irregolari questi contrasti, tutte le gare finirebbero 0-0.

      • Giulio
        Giulio dice:

        Grazie, Luca. Ho omesso la parola ‘spinta’ (di Dzeko ad un avversario) ma credo che tu abbia capito lo stesso. Evidentemente il tifoso che c’è in me ha preso il sopravvento sull’osservatore e hai ragione. Ancora, grazie

  15. Francesco
    Francesco dice:

    Buonasera Dott.Marelli, concordo a pieno sul suo giudizio su Banti, e come già letto nei commenti, il giallo a Chiellini nel primo tempo avrebbe potuto cambiare gli atteggiamenti di quest’ultimo nel secondo.
    La mia domanda è un’altra, dato che non ho mai capito il perchè, nel momento in cui in seguito ad un contrasto non sanzionabile con il rigore, colui che lo chiede veentemente non andrebbe ammonito per simulazione?

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      E’ la posizione corretta: serve a valutare dalla miglior posizione possibile eventuali deviazioni con le mani da parte dei calciatori in barriera. Questa posizione è adottata (con ottimi risultati) ormai da molte stagioni.

  16. Giovanni R
    Giovanni R dice:

    Ciao Luca,

    Sull’episodio di Chiellini. Per carita’, l’ammonizione ci puo’ stare ma vista la distanza ravvicinata mi sembra si stia sollevando un polverone esagerato su un episodio che gli inglesi definirebbero 50/50. https://photos.app.goo.gl/nTNjjoFf2x8X4VZT6

    La direzione di Banti a mio parere e’ stata ottima. Ha lasciato correre parecchio da entrambe le parti su contrasti leggeri e veniali – contribuendo alla spettacolarità della partita – ma ha punito giustamente interventi duri e pericolosi.

  17. Faber
    Faber dice:

    Ciao Luca, ho letto tutto, le tue valutazioni e i susseguenti commenti, anche quelli dei tifosi. Alla fine resta la stessa amarezza, quella che va avanti da anni. E cioè che tutte le “imprecisioni” (perché di queste si tratta, non errori tecnici gravi) sono tutte a senso unico, il che, statisticamente, non ha un senso. E sono anche inutili, perché la Juve è di gran lunga la squadra più forte, la vittoria di ieri è fuori discussione. Probabilmente si tratta di scarsa personalità dei nostri arbitri di fronte al monumento Juve, difetto nel quale negli ultimi tempi ci sono cascati tutti, dall’arbitro mediocre come un Banti o un Calvarese, all’arbitro di primissima fascia come Orsato. Buona vita e scusa lo sfogo ☺️

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      O forse di preconcetti?
      Guarda, per esempio, contro il Chievo alla prima giornata: la Juventus ha vinto ma è stata penalizzata su un paio di situazioni abbastanza evidenti.
      Se non si esce da questa serie di preconcetti, non si riuscirà mai a discutere serenamente.

  18. GIORGIO GILIOLI
    GIORGIO GILIOLI dice:

    Buongiorno, dott. Marelli, complimenti per la sua analisi sempre lucida e chiarissima. A mio avviso, la ragione principale della mancata consacrazione definitiva di Massa a vero top in campo nazionale ed internazionale è questa “mollezza caratteriale”. È d’accordo?

  19. Giorgio
    Giorgio dice:

    Buongiorno Luca,
    Mi posso bullare di aver pensato più o meno le stesse cose in presa diretta (no rigore su Chiellini, sbagliata l’ammonizione su Hysaj), solo il fallo di mano di Chiellini non mi pare tanto chiaro come SPA, ma sono piccolezze.
    Però dopo le moviole ridicole e a senso unico dei giornali, non aspettavo altro che il tuo articolo, che come sempre è illuminante e mi conferma che non ho messo il cervello all’ammasso.
    Grazie!

  20. Filippo
    Filippo dice:

    Buongiorno Luca, finalmente ho trovato un blog interessante tra la spazzatura globale world wide web.
    A dire il vero è un po’ che ti seguo e mi piace come tu riesca a trasferire in chi ti legga il punto di vista del direttore di gara.
    Il problema non è in chi scrive, nei mezzi con cui comunica ma, altresì nella capacità del lettore di comprenderne i contenuti.
    Purtroppo, ormai, chiunque si sente in diritto di contraddire un legale, un medico, un professionista solamente sulla base dei propri convincimenti e, solitamente, senza conoscenza dei temi di cui si discute. È così, è il mondo di oggi, hanno distribuito internet ma non le istruzioni per l’uso. Si, si ci sono anche un sacco di cialtroni in circolazione, certo ed il problema è proprio nella diffusa incapacitá di riconoscerli

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Il problema è che ai cialtroni vengono concesse le ribalte mentre persone di valore (tra le quali non mi inserisco, sarebbe eccessivamente autoreferenziale) rimangono ai margini per mancanza di conoscenze o per motivi sconosciuti ai più. Ti assicuro che, in campo arbitrale, ci sono delle ricchezze straordinarie che però sono impossibilitate a trasmettere le proprie conoscenze, anche all’interno della stessa AIA.

  21. Roberto
    Roberto dice:

    Una prima curiosità: su tre partite da te visionate vedo solo commenti su quella,di Torino. Non hai certo fatto censura, vero? Mi sembra significativo come dato.
    E da juventino anch’io vado ad un particolare di questa. Bonucci-Allan non è stato azione da scemo di Bonucci e sceneggiata da Oscar di Allan, ma ha cominciato quest’ultimo con una leggera strattonata a Bonucci. Quindi azione-reazione-controreazione: avrei visto bene il giallo per entrambi.
    Infine sul fatto che Banti sia il classico toscano fumino concordo, per il carattere mi ricorda Braschi, ma perché vendicatore solitario, scusa, chi sta difendendo? Buona domenica.

      • Roberto
        Roberto dice:

        Cancellala, avevo letto di corsa ed interpretato male una tua frase.
        Intanto anticipo: il fallo da rigore fischiato da Valeri a Chiesa rientra in quei casi in cui il VAR non può quest’anno intervenire, vero?

  22. Claudio D'Angelo
    Claudio D'Angelo dice:

    Come può essere considerata buona la prova di Banti se ha ammonì il primo giocatore della Juve solodopo 4 gialli e un rosso contro i giocatori del Napoli? Il buon senso e soprattutto i falli commessi da Alessandro e Chiellini tra gli altri avrebbero dovuto indurlo ad essere più equo. Invece in questo modo ha fatto innervosire i giocatori del Napoli. Inoltre non ricordo un giocatore della Juve essere espulso per doppia ammonizione dopo due falli su due commessi.Al massimo li si reguarrisce permettendo ad Allegri di fare il cambio in tempo utile per evitare di restare in 10 (ricordo giusto l’ultimo caso di Pjanic In inter-juve), ma evidentemente l’occasione era troppo ghiotta per fare l’ennesimo favore ai soliti potentati. Ovviamente passerò per il solito tifoso del Napoli lamentoso che vede corruzione dappertutto , ma solo chi vuole accettare questo status quo e non vuole denunciarlo perché ha paura di mettersi contro i forti o gli conviene può tenere gli occhi chiusi davanti alle cose palesi che si vedono e io spero che qualcuno finalmente si ribelli a questa deriva… preferisco denunciare e passare per lamentoso e pazzo che dire, come tutti quelli a cui stanno bene le cose, che é tutto nella normalità Delle cose. Arrivederci

  23. Jacopo
    Jacopo dice:

    Buongiorno. Sull’episodio Bonucci vs Allan: il primo a spingere è Bonucci, risposta di Allan e “strusciata” finale dell’e capitano del Milan. Ora, Bonucci provoca con consapevolezza: Allan è nervoso per il rosso di Mario Rui e va a infastidirlo comportandosi da “bullo” (lei lo definisce “sceriffo”). E, poi, non ci sta nel momento in cui Allan si “ribella”. Di nuovo da bullo gli appoggia la fronte come a dire “qui sono io il capo, come ti permetti?!?”. Per lei è giallo. OK. Però Bonucci fa spesso così e non lo trovo corretto. E se ogni volta si salva solo con il giallo continuerà a farlo.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Gli episodi van valutati nella loro oggettività, non sulla base dei precedenti.
      Altrimenti si scade al livello “bar” e non ci tengo, in tutta franchezza.

    • Gennaro
      Gennaro dice:

      Non è proprio così: è Allan il primo a strattonare, Bonucci si divincola e Allan gli molla un pugno leggero sul braccio. Successivamente Bonucci appoggia minacciosamente la testa su Allan che cade al suolo come se gli avessero sparato. Giustissimo il giallo a Bonucci, incomprensibile che Allan l’abbia fatta franca.

  24. Andrea Salvato
    Andrea Salvato dice:

    Imparo più leggendo 5′ la sua disamina che “ascoltando” ore e ore di analisi e polemiche assurde in tv.
    Gran lavoro, grazie!

  25. Fulvio
    Fulvio dice:

    Quello che non si vuole capire non è l’esattezza a termini stretti di regolamento delle decisioni di banti ieri. Quello che si vorrebbe vedere sui campi è un arbitro che con gli stessi 2 falli di mario rui avesse ol coraggio di espellere un giocatore della juve. Dopo pjanic in inter juve o pjanic con il bologna come si fa a non capire questo. Se il regolamento venisse applicato sempre e per tutti in modo ineccepibile come lei fa notare allora le polemiche non esisterebbero. Invece banti non si è fatto bessuno scrupolo a chiudere al 62′ juve napoli mentre mai vediamo tale solerzia e precisione quando si tratta di sanzionare un giocatore della juve. Poi se volete far finta di niente prego accomodatevi

  26. enrigo
    enrigo dice:

    Buongiorno, premetto che ho sicuramente una visione parziale da tifoso, ma non concordo sull’analisi dei due interventi di Mario Rui. Nel primo tempo cone si può definire in ritardo un intervento in cui il portoghese anticipa nettamente pjanic e allontana il pallone? Non è un contrasto (in quel caso aver toccato il pallone sarebbe irrilevante), non è a gamba tesa o piede a martello, prende il pallone di punta e pjanic sopraggiunge DOPO, perché lui sì che è in ritardo o più lento. Il tocco della punta sulla caviglia è fortuito. Da come scrive e dalla foto che pubblica sembra quasi che pjanic entri in anticipo e Rui gli entri sulla caviglia. Quello Sì che sarebbe da ammonizione. Come può esserlo invece quanto ho descritto? L’azione è concitata e Mario Rui viene da un altro contrasto ma rimedia con la rapidità di gambe. Cerco il video per attestare quanto sostengo… grazie dell’attenzione e scusi se mi sono dilungato.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Vabbé, se dobbiamo buttarla in caciara, perlomeno lo si faccia con un minimo di prudenza. Mario Rui, sulla prima ammonizione, non sfiora nemmeno il pallone. Lascia perdere il video, l’ho visto dieci volte e la tua ricostruzione non ha alcun fondamento.
      Va bene discutere ma non prendiamoci in giro.

      • enrigo
        enrigo dice:

        Mi prometta di pubblicare il mio commento: ecco i fotogrammi del video, poi se occorre cerco di caricare anche quello. Si vede Rui in nettissimo anticipo sul pallone, roba di mezzo metro quasi. Poi dopo il tocco sul pallone, nettissimo, col pallone che rotola verso Banti, avviene forse il contatto con pjanic. Francamente non si vede dove avverrebbe, probabilmente quando il piede di Rui è girato ed è a terra Pjanic prosegue il suo movimento e lo urta. Prima infatti il piede di Rui non incontra alcun ostacolo nel suo movimento, verifichi i fotogrammi. Contatto doloroso, ma per me non è mai fallo, visto che Rui è nettamente in anticipo. Ecco le immagini, prima da lontano poi da altra inquadratura. Da scaricare e vedere in sequenza.
        https://ibb.co/nGUW1z
        https://ibb.co/k3hC8e
        Da vicino
        https://ibb.co/nJ4Ogz
        https://ibb.co/kUxjMz
        https://ibb.co/eYwdgz
        https://ibb.co/iQZQTe
        https://ibb.co/hkah8e
        https://ibb.co/cnaX8e
        https://ibb.co/mKy8gz
        https://ibb.co/jWQw1z
        https://ibb.co/evJG1z
        https://ibb.co/hpXR1z
        https://ibb.co/if5JEK

        Ho fotografato frame per frame la sequenza, non manca nessun fotogramma fino alla fine che ho diradato a pallone lontano. Lo vede il tocco di suola punta nettissimo di Rui che avviene mentre Pjanic dista ancora forse quasi mezzo metro? (confrontare immagini da lontano con quelle da vicino, il tocco avviene alla terza foto da vicino). Se così è cambia la valutazione del fallo oppure no? Perché interventi così sono normali in campo. E mi scusi, non se la prenda con me, è vero anche quanto ha scritto un altro lettore, ossia che Banti ha aspettato per tirare fuori il cartellino. Prima ha fischiato e poi ha estratto dopo qualche secondo, in base probabilmente alle condizioni di Pjanic (penso che sia umano, ma così si favorisce anche chi eventualmente urla più forte).

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Enrico, basta così, per favore: ‘sta discussione sta diventando comica.
          Se vuoi aver ragione, ti do ragione: sinceramente trovo allucinante questa ricostruzione. Va bene la fantasia ma c’è un limite.

  27. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Ciao Luca perdonami ma io ritengo comunque un grave errore la gestione di due situazioni come quelle di chiellini e hisay. Addirittura come hai giustamente fatto notare tu quella di chiellini era da giallo mentre quella di hisay no. Non mi sembra un errore da poco. Inoltre vorrei farti notare che Ronaldo anche pochi minuti prima della situazione che hai fatto notare tu aveva calciato in porta (pallonetto) in posizione di fuorigioco. Lì il fischio era arrivato ampiamente prima ma l’ammonizione no

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Sono errori da sottolineare ma sui quali non bisogna esagerare. Le sanzioni disciplinari sono importanti ma basare un’intera polemica su due cartellini è senza alcun senso.

  28. Vincenzo
    Vincenzo dice:

    Per colpa dei giornalisti l’arbitro Bantu viene criticato dopo aver arbitrato bene una partita difficilissima. Gazzetta e Corriere dicono che il primo fallo non sia da cartellino giallo quindi espulsione ingiusta. Non tifo le squadre in questione ma ti ringrazio per il tuo lavoro senza di te sarei rimasto dell’idea che gli arbitri favoriscono la Juve , senza il tuo lavoro ci sarebbero molte più polemiche.

      • Angelo De Lorenzo
        Angelo De Lorenzo dice:

        Salve sig. Marelli. Da juventino mi complimento con lei per la sua disamina. Continuo però ad avere un dubbio: siccome Chiellini quando colpisce con la mano è a circa 60 metri dalla propria area di rigore, come si può in questo caso parlare di azione potenzialmente pericolosa? Non siamo nemmeno sulla 3/4 degli avversari…grazie mille.

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          L’azione potenzialmente pericolosa non viene valutata solo sulla base della distanza. In questo caso quel che conta (e lo vedi dall’immagine larga) è il fatto che, senza fallo di mano, il Napoli avrebbe potuto ripartire con ben 6 giocatori della Juventus fuori posizione.

    • kko
      kko dice:

      Purtroppo l’informazione sportiva (limitiamoci a quella) non ha più come obbiettivo informare, ma vendere il proprio prodotto.

      Una volta si puntava il dito contro il rigore non dato, sul gol fantasma, oggi ti tocca leggere che la chiave della partita è stata un giallo non dato a Chiellini (CorSport), il giallo che ha indirizzato il clima della partita. A questo punto penso che a Torino debbano ringraziare Blick che al Mestalla ha scandalosamente indirizzato la partita a favore della Juve con il rosso a Ronaldo… …

  29. Lorenzo
    Lorenzo dice:

    Premetto che sono tifoso del Napoli. Non sono d’accordo con le sue valutazioni sul secondo cartellino giallo (e quindi rosso) per Rui. Concordo che il primo giallo a Rui è giusto, è un intervento in netto ritardo e anche se non prende in pieno la gamba dell’avversario, l’intervento è imprudente e pericoloso. Ma il secondo è totalmente diverso. Invito a riguardare il video (ad esempio qui: https://www.ilnapolista.it/2018/09/video-espulsione-mario-rui/). Rui è in anticipo sulla palla e, ritenendo di averne il tempo, decide di proteggerla girandosi su se stesso. Dybala inserisce il piede mentre Rui si sta già girando e si ritrova il piede già mezzo girato di Rui sul proprio. L’intenzione di Rui è chiaramente solo di prendere possesso della palla, ed essendo in chiaro anticipo, seppur di poco, secondo me non è corretto considerarlo un intervento imprudente. Sicuramente non era un fallo volontario e forse non era neanche fallo.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Il concetto di imprudenza è proprio questo: non tenere nel debito conto che una giocata regolare dell’avversario possa metterlo nella condizione di commettere un fallo imprudente. Il secondo giallo è identico al primo, con la stessa dinamica.

      • Lorenzo
        Lorenzo dice:

        La stessa dinamica? Ma il tempo con cui si arriva sul pallone non conta nulla? Nel primo fallo, Rui è in ritardo. Doveva evitare di entrare. Nel secondo, Rui è in anticipo.

      • Alfredo
        Alfredo dice:

        Mi spiace dirlo ma la Sua risposta alla lettura della dinamica dell’azione fatta dall’amico di prima è davvero una.. non risposta. La dinamica è più di ogni altra cosa ciò che offre la corretta lettura per considerare una azione, un movimento, un intervento falloso o meno. E sulla base di questa lettura il pallone era nella disponibilità di Mario Rui tanto che può non solo dubitarsi che il suo fosse un fallo da ammonizione, non solo che fosse un semplice fallo, non solo che non ci fosse fallo, ma perfino che in realtà fosse fallo di Dybala. Lei può non condividere, ci mancherebbe, ma il tema è quello posto dall’amico e la Sua risposta, lo ripeto, mi pare un modo di.. svicolare. Lo dico col rispetto dovuto al padrone di casa, poiché non dimentico di essere ospite, e quindi in ogni caso grazie di questo spazio.
        Alfredo

          • Alfredo
            Alfredo dice:

            Mi spiace che Lei risponda in modo scortese e stizzito. Sebbene io abbia criticato un Suo parere l’ho fatto, credo ne converrà, con educazione e rispetto. Posso solo obiettarLe che rispondere così non è esattamente il modo migliore di rassicurare sulla corretta imparzialità dell’arbitraggio in questione..

  30. alessandro
    alessandro dice:

    buongiorno, vorrei una sua opinione sull’episodio della trattenuta in area di rigore di albiol su chiellini, episodio che in champions league è stato sanzionato con rigore, mi sembra molto simile. Albiol è tagliato fuori dalla traiettoria e non può arrivare sulla palla, quindi cerca di fare ostruzione.
    Grazie

  31. Carlo
    Carlo dice:

    Ciao Luca
    Io sono un tifoso del Napoli e quindi con ogni probabilità quanto ti dirò non sarà scevro da faziosità.
    Concordo con la tua analisi riguardo entrambe le entrate di Mario Rui, da censurare e di fronte all ‘arbitro. Ma non ti è parso che ci sia stato un eccesso di zelo in un caso(il Napoli) e un po’ di lassismo con i nostri rivali?
    Complimenti per il blog che trovo davvero fantastico.

    Ciao
    Carlo

  32. Marco
    Marco dice:

    Buongiorno Luca,
    sono un tifoso del Napoli e ieri guardando la partita l’episodio arbitrale che mi ha colpito di più è stata l’ammonizione di Koulibaly al 40 del primo tempo per fallo di ostruzione su Cristiano Ronaldo. Purtroppo nelle sintesi non riesco a trovare le immagini ma guardando il replay Koulibaly non sembra “spostarsi” e quindi ostacolare Ronaldo. E’ giusta l’ammonizione? E a termini di regolamento come va valutata l’ostruzione?

    Grazie

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Non era un fallo di ostruzione ma uno sgambetto evidente.
      Ricorda sempre questo concetto centrale: il fallo di ostruzione si concretizza se NON c’è contatto tra calciatori. Non a caso non viene mai sanzionato perché ipotesi marginalissima. L’ammonizione di Koulibaly è senza discussione, avendo interrotto un’azione potenzialmente pericolosa. Ronaldo ha anticipato Koulibaly che non poteva far altro che contrastarlo irregolarmente.

  33. Luciano
    Luciano dice:

    Complimenti Luca. Sempre perfetto nella spiegazione. Purtroppo tutti parlano da esperti, ma il regolamento in Italia lo abbiamo letto e studiato in 100.000. Di Juve-Napoli in effetti l’ammonizione di Hysaj mi ricorda qualche “cazziata” di osservatori ad arbitri di CAN C dicendo che la maglietta non si fa male, le gambe sì, quindi più attenzione ai falli sugli attrezzi del mestiere dei calciatori e meno alle maglie.

  34. pasquale
    pasquale dice:

    Un altro brutto errore di Banti , sul quale non ti sei soffermato, è la mancata ammonizione di Cancelo x un fallaccio da dietro su Zielinski. Tra l’altro questo avviene un minuto dopo l’ingiusta ammonizione di Hysai e 2 minuti prima del secondo giallo di Rui. E’ stato questo doppio pesismo sui cartellini a dare molto fastidio. Anche le statistiche confermano questo visto che la Juve ha commesso 14 falli ed ha avuto 2 ammoniti ( 14% ) mentre il Napoli ha commesso 11 falli ed ha avuto 4 ammoniti ( 36% ). Ho chiaramente escluso i gialli di Bonucci e Insigne avvenute x altri motivi.

  35. Gabriele
    Gabriele dice:

    Si parla di inezie, “la gestione dei cartellini”…il fallo di allan su Ronaldo (la punizione che ne scaturisce è la super parata di ospina)?
    Dritto sull’uomo che entra in area, Banti ha deciso di non ammonire. A mio modo di vedere inspiegabilmente. Così come non viene ammonito Zielinski (se ho visto bene il 20) nel primo tempo che prende dybala che lo ha saltato netto.
    Capita.
    Nel primo tempo Banti ha sistematicamente consentito contrasti ruvidi al limite del fallo da parte dei giocatori del Napoli con potenziali transizioni offensive, ha lasciato giocare dopo la pallonata nelle parti basse di allan salvo interrompere il
    gioco per i soccorsi dopo la rinconquista della palla di Ronaldo…
    Capita.
    eppure si deve sentir parlare di superficialità da parte di Ancelotti, e c’è quello che ti posta il video di Alex Sandro ammonito dicendo che è un fallo di chiellini inesistente, quello che dice “ammonisce perché glielo chiedono” (e non è vero)…mah.
    Io piuttosto proprio sul secondo giallo di Rui (sacrosanto, cosa doveva fare? Stupido Ancelotti a non cambiarlo) ho visto una fastidiosa incertezza…visto che era il secondo.
    Polemiche ridicole, grave le alimenti Ancelotti.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Abbi pazienza ma il tuo commento rientra nella categoria dei “tifosi a senso unico”.
      Sono tue opinioni sulle quali non concordo minimamente: sono abituato a vedere le partite senza preconcetti.

  36. alessandro
    alessandro dice:

    buongiorno, vorrei una sua valutazione sulla presunta trattenuta di albiol in area su chiellini…..classico fallo che si può dare e non si può dare……ma poco evidenziato dai media…..la trattenuta c’è, la maglia si vede strattonata e albiol cmq è tagliato fuori dalla traiettoria della palla.
    Grazie

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Come ben sai, i rigore “sono una roba seria”.
      Su una trattenutina del genere non mi soffermo nemmeno: non ci sono nemmeno lontanamente i presupposti per un calcio di rigore.

  37. Kko
    Kko dice:

    Buongiorno, se non ricordo male è la seconda volta che vedo Rocchi fischiare fuorigioco su rimessa laterale. Mi pare accadde un paio d’anni fa… recidivo.

    In ogni caso le chiederei un chiarimento:

    Lei “invoca” il giallo per Chiellini per aver interrotto una azione potenzialmente pericolosa a 70 metri dalla porta bianconera, al contrario settimana scorsa su un cross fermato volontariamente con il braccio da Molinaro sosteneva che un cross in area non è azione pericolosa.

    Esistono statistiche, fatti oggettivi che definiscano una ripartenza pericolosa e un cross no? Perchè se chiamiamo gli arbitri a valutazioni d’impressione sulla pericolosità di un’azione a quel punto ogni volta che c’è un fallo su Khedira in ripartenza mi aspetto nessun giallo, mentre su Costa ogni volta giallo e su Cuadrado un giallo a seconda della voglia di giocare di quest’ultimo.

    Detto che concordo sulla mancanza di un giallo a Chiellini.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Non ricordo l’episodio a cui ti riferisci su Rocchi pertanto non posso far altro che non tener conto dell’appunto.

      Sul giallo a Chiellini.
      Il problema che emerge dal tuo commento è la mancata conoscenza del regolamento (non averne a male). Sul cross al centro dell’area NON è MAI previsto il cartellino giallo perché non si può sapere dove sarebbe finito il cross stesso: può finire sulla testa di un attaccante, nelle mani del portiere, dalla parte opposta perché troppo alto o rinviato da un difensore perché troppo basso. Da anni, ormai, un fallo di mano su cross laterale non deve essere punito disciplinarmente (tranne rarissime eccezioni: per esempio un attaccante totalmente solo in mezzo all’area). Il fallo di Chiellini, come detto, va letto nella prospettiva di un’azione potenzialmente pericolosa e nulla conta che ci si trovi a 60 metri: quel che conta è la disposizione in campo dei calciatori e la direzione del pallone. La capacità di lettura delle azioni di gioco è fondamentale per giudicare una SPA.

      • kko
        kko dice:

        Penso di essermi spiegato male. Il centro della questione era :

        Esistono statistiche, fatti oggettivi che definiscano una ripartenza pericolosa e un cross no?

        Purtroppo noto come nel calcio a volte il regolamento sia riflesso di impressioni più che di fatti.

        E’ più pericolosa una ripartenza o un cross? Immagino che (non lei), ma chi le regole le scrive abbia dati oggettivi su cui basarsi e quindi di quelli chiedo informazioni. Poi Dura lex, sed lex

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Il calcio è uno sport bellissimo anche perché imprevedibile.
          Propongo sempre un esempio: se qualche pazzo decidesse di raccogliere in un volume tutte le possibili casistiche, scriverebbe un volume di diecimila pagine. Ma ne mancherebbe sempre mille.
          Se poi volesse aggiornare il volume, arriverebbe a ventimila pagine. E ne mancherebbero sempre mille…

  38. Francesco
    Francesco dice:

    Buongiorno 😃

    Una curiosità
    Come mai nel derby i subentranti sono stati costretti a nastrarsi le caviglie con del nastro del colore azzurro per la Lazio e arancione per la Roma?

    Grazie e chissà mai se la riuscirò a incontrare a San fermo della battaglia 😜

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Perché i nastri sui calzettoni devono essere dello stesso colore dei calzettoni stessi (per una questione di individuazione del fuorigioco).
      A San Fermo sono spesso in giro, prima o poi capiterà.

  39. Sebastiano
    Sebastiano dice:

    Ciao Luca, buongiorno. Domanda perché nello scontro post espulsione di Rui, ha ammonito Insigne- Bonucci e non Bonucci-Allan? Grazie mille 🙂

  40. Luigi
    Luigi dice:

    Gentile arbitro Marelli la seguo sempre con attenzione nei suoi commenti. Volevo segnalarle un altro episodio dubbio della partita Juventus Napoli. Ai miei occhi si tratta di un fallo credo di Chiellini simile a quelli commessi da Mario Rui. Mi sbaglio? Come mai non sono stati puniti con il giallo? nel caso si trattasse di un errore, questo cambierebbe il suo giudizio complessivo sull’arbitraggio di Banti?

    maestro oldman (@Maestroldman) ha twittato:
    Anche questo, giallo…
    …e niente giocano un altro campionato! @SerieA @AIA_it #JuveNapoli https://t.co/Ls77hCUJ9H https://twitter.com/Maestroldman/status/1046094029606260736?s=17

  41. Luigi Ferrante
    Luigi Ferrante dice:

    Premessa: il mio è il punto di vista parziale di un tifoso napoletano.
    Memore della direzione arbitrale perfetta della sfida scudetto dello scorso anno, questa direzione di Banti mi è sembrata nel complesso buona, ma non può essere paragonata a quella sontuosa dello scorso anno di Rocchi. Ho ancora negli occhi il cartellino giallo che Rocchi mostrò ad un giocatore della Juve nei primi minuti di partita. Mi sembra di dover sottolineare l’inutile: i cartellini vanno dati quando ci sono. Ieri il primo tempo è invece finito 3 cartellini gialli a zero per il Napoli, quando vedendo la partita e leggendo il suo commento come sempre molto dettagliato, avrebbero dovuto essere due cartellini a uno per il Napoli, tolto a Hysay e dato a Chiellini. In una sfida così importante la gestione dei cartellini deve essere perfetta, altrimenti diventa automaticamente superficiale, e ieri lo è stato. Quando non vedi ammonire Chiellini per quell’interruzione di gioco col braccio e poi vedi ammonire Hysay per una trattenuta dall’altra parte del campo, cosa si deve dire? Ineccepibile l’espulsione di M.Rui, vorrei solo che Banti fosse stato ineccepibile sempre. Alla fine del primo tempo, M. Rui non interviene in un’azione potenzialmente pericolosa per paura di prendere il secondo cartellino. Questa paura Chiellini non l’ha mai avuta. E’ tutta qui la polemica dei giocatori del Napoli, più che fondata, al netto della superiorità della Juve e delle stupidaggini di M. Rui.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Concordo sul fatto che la prestazione di Rocchi ad aprile più perfetta, quella di ieri di Banti no (sotto il profilo disciplinare: a livello tecnico non ha sbagliato praticamente nulla).
      Non fare confusione, però: l’ammonizione mancata a Chiellini è del primo tempo, quella di Hysaj nel secondo tempo.
      Sul resto posso essere d’accordo, la mancata ammonizione di Chiellini non è banale e ne hai perfettamente evidenziato il motivo.

    • Nicola
      Nicola dice:

      Se dovessimo fare polemica per ogni cartellino giallo non dato o eccessivo, ogni giornata staremmo a lamentarci. Detto questo in diretta ho avuto anche io la sensazione che il fallo di Alex Sandro fosse da arancione. Secondo lei Luca è un errore il cartellino giallo o ricade in quei casi appunto da arancione, in cui ci poteva stare anche il giallo ? Grazie e complimenti come sempre per la sua rispettabile oggettività sugli episodi, cosa rara oggi.

      • Luca Marelli
        Luca Marelli dice:

        Concordo: ormai stiamo oltrepassando il limite della moviola per entrare nel concetto di “cerchiamo qualsiasi avvenimento che possa servire ad accusare l’arbitro”. Triste: vivere lo sport in questo modo è malsano, meglio dedicarsi ad altro.
        No, non è un errore grave, è un episodio molto al limite sul quale avrei supportato qualsiasi decisione. Anche l’espulsione, per la quale ci sono elementi.

        • Alberto Fantoni
          Alberto Fantoni dice:

          Esatto, è proprio questo il motivo per cui ero convinto che il VAR (qualsiasi fosse il protocollo) non avrebbe risolto il problema delle polemiche, si sarebbe trovato senz’altro il modo per attaccarsi a qualcosa, tanto è vero che l’anno scorso l’episodio più discusso del campionato è stato un mancato giallo a centrocampo su cui il VAR nulla avrebbe potuto, anche col più discrezionale dei protocolli possibile.
          Il problema non è risolvibile salvo che non si arrivi a rivedere tutto, cioè si abbia la famosa moviola in campo, che è poi il messaggio che grandissima parte dei media hanno fatto passare quando si è deciso di introdurre il VAR. Quindi hai mille ragioni a dire che l’informazione è un grande problema, anzi direi che è IL problema!
          Complimenti per l’articolo, assolutamente perfetto nella chiarezza e nel mio piccolo condivido al 100% le tua spiegazioni, quindi nessun chiarimento di chiederti

          • Luca Marelli
            Luca Marelli dice:

            Grazie.
            Credo che, negli anni, si arriverà ad una soluzione che tenga conto sia dei challenge (che sarebbe stato risolutivo nel famoso Inter-Juventus) sia di un VAR più invasivo senza snaturare il gioco (quello dello scorso anno era, a mio parere, vicinissimo alla perfezione).

  42. Riccardo
    Riccardo dice:

    È un vero peccato che lei o gente con la sua stessa professionalità non possiate intervenire subito dopo le partite per esporre i vari episodi agli esatti fini del regolamento e non secondo interpretazioni del professore di turno. Complimenti come sempre!

  43. Nino
    Nino dice:

    Buongiorno,
    Per quanto riguarda l’ultimo episodio, quello del tiro Ronaldo, mi sorge un dubbio: se Ronaldo avesse segnato, la rete sarebbe stata convalidata (ipotizzando una posizione di non fuorigioco ovviamente) ? Perchè mi sembra che tutti si siano fermati avendo visto la bandierina alzata… Quindi a che pro ritardare il fischio?
    Grazie

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Regola numero 1: mai fermarsi se l’arbitro non fischia.
      Se Ronaldo avesse segnato e fosse stato in posizione regolare, la rete sarebbe stata convalidata e Vuoto si sarebbe preso una bella tirata d’orecchio.
      In realtà la segnalazione era perfetta e la tiratina d’orecchio tocca a Banti per eccesso di zelo.

  44. Marco
    Marco dice:

    Gentile Marelli,
    Pur rispettando (ci mancherebbe!) il suo giudizio positivo sulla prestazione di Banti, non mi trova d’accordo. Poca attenzione è stata prestata all’episodio della prima ammonizione di Mario Rui (invito a rivedere il replay, dal quale quello che sto per aggiungere risulta evidente). Banti decide, in un primo momento, di fischiare fallo in favore della Juventus senza sanzionare il terzino; solo dopo le ripetute capriole di Pjanic e le proteste da parte dei suoi compagni di squadra, decide di estrarre il cartellino. Può davvero un arbitro farsi influenzare così pesantemente dalla reazione del giocatore che subisce fallo? Questo, abbinato ad una gestione “imprecisa” e unidirezionale nei cartellini in diverse altre circostanze, mi sembra abbastanza per giudicare la prestazione dell’arbitro insufficiente.

  45. Peppe
    Peppe dice:

    Caro Luca ti volevo chiedere se alla luce dell’infallibilita’ del VAR sui fuorigioco non sarebbe corretto far concludere sempre l’azione nei casi come quello di Ronaldo (poco prima di quello che hai indicato tu ce n’era stato un altro più incerto fischiato prima che tirasse). Grazie.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      No, altrimenti si snaturerebbe del tutto il gioco. Pensa, per esempio, ad un fuorigioco a 45 metri dalla porta: se si lasciasse correre sempre tutto, ci sarebbero decine di “silent check” con gigantesche perdite di tempo.
      Inoltre c’è un altro particolare: al netto di qualche errore, i nostri assistenti sono di straordinaria qualità, perciò diamogli fiducia.

      • Peppe
        Peppe dice:

        Grazie per la risposta, fiducia sempre perché sono ottimi professionisti ma visto che il VAR nasce proprio per eliminare quei pochi errori secondo me sarebbe meglio far concludere l’azione quando il fuorigioco non è evidente (nei 2 casi di Ronaldo sul primo avrei fatto giocare sul secondo che era evidentissimo no).

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Ed è ciò che viene raccomandato.
          Peraltro sono dell’idea che i due fuorigioco fossero entrambi evidenti e che sia stata corretta la segnalazione di Vuoto.

  46. Cristian Zannini
    Cristian Zannini dice:

    Ah, scusami Luca. Ho dimenticato di chiedere: di Hysaj dici che la sanzione disciplinare è sbagliata. Quindi la mia convinzione che una trattenuta di maglia, in qualsiasi parte del campo e in qualsiasi condizione sia da giallo automatico, diciamo così, è completamente sbagliata? Grazie ancora

  47. Sante
    Sante dice:

    Se la moviola di uno Juve-Napoli si riduce a un paio di cartellini gialli largamente ininfluenti ai fini del risultato finale, vuol dire che Banti è da promuovere a pieni voti. E quello di Alex Sandro non è MAI cartellino rosso

      • Sante
        Sante dice:

        No dai… sono tifoso Juventino ma penso di essere obiettivo sugli episodi arbitrali… Il rosso ad Alex Sandro sarebbe stato una sanzione severissima. Ha il ginocchio piegato, non ha intenzione di far male. Entra solo in evidente ritardo dopo aver corso tutta la partita, probabilmente per stanchezza.

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Il ginocchio piegato è solo UNO degli elementi da valutare.
          Alla fine il giallo non è sbagliato, lo avallo come avrei avallato il rosso dato che si tratta di episodio al limite. Resta il fatto che, col pallone a 5 metri, il fallo di Alex Sandro non ha alcun senso.

      • Biagio
        Biagio dice:

        Solamente chi non ha mai giocato a calcio può ritenere ininfluenti i cartellini gialli specialmente se vengono sventolati prima frazione di gioco…

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Onestamente invidio chi, come te, ha senz’altro giocato in serie A.
          In ogni caso, battute a parte, potrei risponderti che “solo chi non ha mai arbitrato non capisce la marginalità di taluni episodi”. Ma sarebbe una frase troppo stupida, pertanto non la userò mai…

      • Dria
        Dria dice:

        In generale sarebbe possibile un duplice provvedimento, del tipo: ammonizione\espulsione per chi commette la scorrettezza e simultanea ammonizione per chi la subisce, ma simula platealmente?
        Esempio: giocatore A vuole dare un pugno violento a B, ma non lo colpisce, B stramazza al suolo fingendo di ver preso il colpo.
        SI potrebbe espellere A ed ammonire B in contemporanea?
        Grazie e complimenti per il tuo blog

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          Certo che sarebbe possibile.
          Ma non è questo il caso: Bonucci non commette alcuna condotta violenta. Allan simula (è evidente) ma (giustamente) Banti ha scelto di ammonire Insigne, apparso eccessivamente nervoso. Se avesse dovuto ammonire tutti coloro che hanno partecipato al cinema, avrebbe dovuto sventolare almeno una decina di cartellini.

  48. Gianluigi
    Gianluigi dice:

    Come sempre commenti chiarissimi, ero davvero curioso di capire le scelte di banti nei due casi (fallo di mano di chiellini ed ammonizione ad hysaj), perchè in diretta mi erano sembrate invertite. Detto ciò, la speranza che il VAR potesse aiutare molto tifosi a non reagire spropositatamente ogni fine settimana, è utopico. P.S. Parlare di furto della juventus, dopo una partita del genere, è davvero assurdo anche se capisco perfettamente, da tifoso del napoli, l’amarezza per la sconfitta (brucia e non poco), ma la faziosità ormai è regola. Sono comunque contento di aver scoperto questo blog, dove si leggono solo valutazioni tecniche e non risse da bar. Grazie

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      La faziosità può anche andar bene ma non deve scadere nel ridicolo. Posso accettarla da chi si definisce con onestà “tifoso”, meno da chi (pur essendo legittimamente tifoso) svolge la professione giornalistica: in quel caso si scade nella volgarità e nella precisa volontà di mantenere l’attenzione sul proprio ego.

  49. Cristian Zannini
    Cristian Zannini dice:

    Buongiorno Luca e ancora grazie! Di prima mattina hai già fugato i miei “dubbi”! Soprattutto sul mancato giallo a Chiellini, che per la mia ignoranza non c’era perché in presa diretta il pallone mi sembrava calciato da distanza più ravvicinata. Per il resto, le solite polemiche sterili, le lascio agli altri. Tanto, anche se dovesse spiegare gli episodi un’ entità suprema, un Dio o che ne so io, ci sarebbe sempre chi lo taccerebbe antijuventino, o pro interista, o anti napoletano e via dicendo. Ma quanto sarebbe bello seguire il calcio con serenità ed equilibrio?

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Sarebbe bello.
      Non nascondo di avere la fortuna di essere stato arbitro, ciò che mi consente di osservare il calcio con passione ma senza pulsioni da tifoso.
      Che poi essere tifosi non è affatto un difetto, anzi! Lo diventa se si utilizzano termini fuori luogo o si scade nell’insulto gratuito “a prescindere”.

  50. Marcellino
    Marcellino dice:

    Ciao Luca, come sempre sintesi perfetta ed esaustiva degli episodi. Volevo solo due chiarimenti se possibile. Dalle immagini in diretta sembrava che Banti avesse “lasciato giocare” per qualche secondo (facendo segno allungando il braccio) dopo il contatto Mario Rui – Dybala. Poi ferma il gioco ed espelle il terzino del Napoli. Come interpreti la situazione?
    La seconda cosa invece riguarda la gestione della mass confrontation: come mai la decisone di ammonire Insigne piuttosto che Allan o qualche altro giocatore che era entrato più “attivamente” nella discussione?
    Grazie mille!

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Non ho certezze in merito ma credo che sia stato l’assistente Vuoto a segnalare fallo e giallo. Osserva la prima immagine relativa all’episodio: Banti sposta la testa a destra avendo la linea di visione parzialmente occlusa da un calciatore. Non l’ho scritto perché non ho certezze in merito ma è una spiegazione più che plausibile, anche sulla base dell’esperienza personale.

  51. carmine
    carmine dice:

    Buongiorno, al minuto 28 c’è un fallo su Ronaldo al vertice dell’area di rigore avversaria, è la punizione sul cui sviluppo dell’azione il pallone viene salvato quasi sulla linea. Vorrei una valutazione sul fallo del calciatore del Napoli. La mia impressione è stata di un azione pericolosa e che Ronaldo avrebbe tirato in porta se non fosse stato fermato irregolarmente.

    • Luca Marelli
      Luca Marelli dice:

      Me lo ricordo.
      Troppo defilato e, soprattutto, tantissimi calciatori in area: difficile ipotizzare un’azione potenzialmente pericolosa. Giusto fischiare il fallo senza cartellini.

      • Gabriele
        Gabriele dice:

        Senza possibilità di prendere il pallone, con la possibilità di conclusione (era il vertice dell’area, ci ha tirato la punizione da lì). A me sembra un giallo pacifico, soprattutto se si parla di SPA a 75 metri dalla porta per la disposizione dei giocatori;)

        • Luca Marelli
          Luca Marelli dice:

          La SPA non si giudica sulla base della distanza dalla porta ma dalla lettura dell’azione.
          Ripeto: Chiellini blocca il pallone a 60 metri ma con la squadra molto sbilanciata (tra poco i metri diventeranno 250 se continui ad aumentare), Ronaldo viene fermato con 15 calciatori in area o nei pressi della stessa.

I commenti sono chiusi.