Designazioni 33esima giornata di Serie A, il commento.

33esima giornata del campionato di Serie A priva di scontri diretti ma con alcune gare molto interessanti per la zona Europa League.

ATALANTA – BOLOGNA (anticipo sabato 22 aprile, h.18.00)
RUSSO Carmine (Nola)

Per Russo ultime apparizioni in carriera, una carriera trascorsa sempre a cavallo tra seconda e terza fascia, senza mai essere impegnato in big match. Non è un mistero che mi piaccia poco o nulla ma ciò non mi impedisce di rimanere piuttosto sconcertato dal fatto che, per dieci anni, un arbitro venga impiegato senza essere mai veramente testato ad altissimi livelli. Non capisco il senso di tenere in organico un elemento su cui non si puntano due fiches.
In linea con l’utilizzo di questi dieci anni, ennesima gara di seconda fascia tra l’Atalanta (grande sorpresa del campionato ed alla ricerca dei punti decisivi per l’ingresso in Europa League) ed il Bologna (che, ormai da 4/5 turni, si sta trascinando verso le vacanze non avendo più nulla da chiedere al torneo).

FIORENTINA – INTER (anticipo sabato 22 aprile, h.20.45)
VALERI Paolo (Roma 2)

La gara più importante di giornata viene assegnata a Valeri che, tra preclusioni e precedenti, è forse l’arbitro più difficile da designare. La Fiorentina cerca il miracoloso aggancio alla zona Europa League, l’Inter cerca il rilancio dopo aver raccolto un solo punto nelle ultime 3 gare, rischiando di rimanere fuori dalle coppe (il che potrebbe non essere un male, peraltro…). Un banco di prova importante, un passaggio per continuare a ritrovare un arbitro di enorme talento che, negli anni, si è smarrito. Gara molto più complessa di quanto si possa pensare, la condizione delle due squadre suggerisce la concreta possibilità di nervosismo e tensione crescente. Fondamentale sarà l’approccio, meglio un atteggiamento distensivo che troppo rigido, scegliere il dialogo potrebbe essere una buona strada, perlomeno all’inizio.

CHIEVO – TORINO
MARIANI Maurizio (Aprilia)

Gara “di rientro” per il giovane e talentuoso Mariani che, negli ultimi due mesi, è incappato in (troppe) prestazioni negative, tali da costargli qualche turno da spettatore e gare di basso interesse. Nel caso specifico Chievo e Torino non hanno più nulla da chiedere, si gioca per la gloria o poco più. La gara ideale per ritrovare un minimo di fiducia e di serenità. Per gli obiettivi tutto rinviato alla prossima stagione, per le squadre e per l’arbitro.

LAZIO – PALERMO
FABBRI Michael (Ravenna)

Si intravvede un minimo di coraggio da parte del designatore. E’ certamente vero che il Palermo, sostanzialmente, sia retrocesso in serie B ma non dimentichiamo che la Lazio è in piena corsa per l’Europa League ed il margine di vantaggio sulle inseguitrici non è così rassicurante (soprattutto sul sesto posto che imporrebbe un inizio stagione in pieno luglio con i preliminari europei). Fabbri continua il suo percorso di crescita in uno stadio sempre affascinante sebbene triste per la mancanza cronica di pubblico. Gara solo sulla carta semplice, sarebbe un errore capitale sottovalutarla.

MILAN – EMPOLI
GAVILLUCCI Claudio (Latina)

Dopo Maresca (così così) secondo esordio in poche settimane a San Siro. Questa volta è il turno di Gavillucci che approda a San Siro sponda Milan dopo quasi due anni di Serie A. Attesa troppo lunga, decisamente. Ma, come si dice in questi casi, meglio tardi che mai. Ovviamente una gara che, sulla carta, appare piuttosto semplice anche se l’Empoli ha sempre qualche timore (lontano) di essere avvicinato dal Crotone. Stesso discorso dell’incontro di Roma: sarebbe un errore sottovalutare l’appuntamento. La settimana scorsa un approccio inadeguato in Fiorentina-Empoli si è tramutato in una prestazione molto negativa di Mazzoleni. Ma dubito che il giovane laziale possa sottovalutare il suo esordio a San Siro col Milan ed il suo pubblico.

SAMPDORIA – CROTONE
RIZZOLI Nicola (Bologna)

Designazione che può apparire sorprendente ma che, in realtà, lo è solo marginalmente. Rizzoli, per motivi differenti, non avrebbe potuto essere designato per nessuno dei tre big match della prossima settimana. Si sceglie, pertanto, di impiegarlo in una gara di quarta fascia per tenerlo “sul pezzo” ma, allo stesso tempo, lontano dai riflettori prima del prossimo impegno importante, presumibilmente Roma-Juventus. Non dimentichiamo, in ogni caso, che il Crotone si gioca una delle ultimissime possibilità di salvare la categoria, sebbene le stesse siano decisamente calate dopo l’inattesa vittoria dell’Empoli a Firenze.

SASSUOLO – NAPOLI (anticipo domenica, h.12.30)
DAMATO Antonio (Barletta)

Designazione piuttosto scontata. Gara di prima fascia settimanale (in assenza di grandi incontri), Napoli in trasferta su un campo comunque mai banale. La lotta per il secondo posto si trascinerà fino alla fine della stagione e si tratta di una posizione di enorme importanza: finire alle spalle della Juventus significa non dover affrontare il preliminare di Champions’ (nel quale spesso le italiane ci hanno lasciato le penne), programmare il mercato senza punti interrogativi sulla fase a gironi, iniziare la preparazione senza la necessità di anticipare la forma. Regolamento alla mano dovremmo conteggiarla come quart’ultima uscita in carriera ma, in realtà, otterrà una deroga per chiudere il 30 giugno 2018.

UDINESE – CAGLIARI
MARINI Valerio (Roma 1)

Finalmente un arbitro della CAN B. In realtà di gare per la CAN B ce ne sarebbero state altre ma, come sempre, le necessità tecniche vengono poste in secondo piano rispetto alla pura contabilità numerica per gli arbitri di A. Bene o male la partita indicata da molti come ipotesi per un arbitro di B. La sorpresa è nel nome, dato che si tratta di un esordio assoluto atteso non da tantissimi. Il dato grave (e preoccupante) è che si tratta del primo esordiente dell’anno ma, soprattutto, del primo arbitro al secondo anno ad esordire in serie A dopo Serra che ha assaggiato la massima serie alla fine della scorsa stagione: abbiamo dovuto aspettare 21 mesi e chissà quanto dovremo aspettare per vedere esordire un primo anno CAN B. Di questo passo il rinnovamento è un’ipotesi irreale, non una prospettiva: non è certo un caso che, alla fine di questa stagione, verranno derogati sia Damato che Rizzoli.
La gara non dice nulla, poco più di un’amichevole di fine stagione. Non rimane che congratularsi col ragazzo, fisico non certo da bersagliere ma dotato di buona tecnica, ottimo ascendente e gran atletismo. Difficile immaginare un futuro alla CAN A ma, perlomeno, acquista un certo vantaggio tra gli arbitri promossi assieme a lui ormai due anni fa.

JUVENTUS – GENOA (posticipo domenica, h.20.45)
CALVARESE Gianpaolo (Teramo)

La gara, sulla carta, è destinata a finire “tanto a poco”: la Juventus è lanciata verso il sesto scudetto consecutivo e colma di entusiasmo dopo la strepitosa qualificazione alle semifinali di Champions’. Dall’altra parte il Genoa reduce dall’ennesimo cambio di allenatore, col ritorno di Juric dopo una serie imbarazzante di imbarcate che l’avevano portata al 16esimo posto in classifica. Per quanto, nello scorso turno, abbia dato segnali di reazione con il pareggio interno di fronte alla Lazio, difficilmente potrà resistere alla corazzata juventina. In sostanza una gara buona per il blasone di Calvarese ma che nulla aggiungerà in termini di qualità. Certo sorprende che, dopo il disastro di Sassuolo-Milan, ritrovi già lo Stadium…

PESCARA – ROMA (posticipo lunedì 24 aprile, h.20.45)
IRRATI Massimiliano (Pistoia)

Tenete sempre a mente un concetto: le gare che vedono impegnate le big in trasferta vengono sempre considerate di prima fascia. Questo concetto serve anche a comprendere il motivo per cui gare che sembrano scontate vengano affidate ad arbitri internazionali o ad essi equiparati. Irrati, in un periodo di forma eccellente dopo sei mesi contrassegnati da errori e prestazioni altalenanti, trova un altro impegno di livello dopo Lazio-Napoli (peraltro diretta in modo impeccabile).
Incontro che la Roma dovrebbe vincere senza troppe difficoltà ma attenzione alle squadre di Zeman: possiamo star certi che la Roma dovrà correre tanto per superare il suo grande ex.

La prossima settimana sono in programma Roma-Lazio, Inter-Napoli ed Atalanta-Juventus. Alla luce delle designazioni di questa settimana, gli arbitri impegnati saranno i soliti Rocchi, Orsato e Banti. A naso dico Rocchi per Inter-Napoli, Orsato per Atalanta-Juventus e Banti per il derby di Roma. Considerando che non azzecco un pronostico dal 1987…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *