6 commenti
  1. Nicola Masotti
    Nicola Masotti dice:

    Gentile Sig Marelli
    sono davvero colpito dal Suo articolo.
    Sono coplito perchè in questo settore, di norma, nessuno mai si sbilancia, commentando quanto , a determinati livelli, personaggi che sono al comando, possano influenzare l’andamento disciplinare di uno sport, che è sempre meno sport, e sempre più campo di battaglia. Sono stato per anni dirigente di una società calcistica dilettantistica, e mi creda, ho visto cose che quasi mi vergogno a narrare. La questione Sig Marelli, è di fatto molto più semplice di quanto si creda: di “punizioni esemplari” Lei non sentirà mai parlare, semplicemente perché le società di calcio foraggiano con le loro iscrizioni l’intera Figc. Non vi è altra ragione. Vede , consentire a determinate persone di poter “allenare” (e mi scuso con veri allenatori per aver usato questo termine) è il vero crimine. Gente che convive nelle frustrazioni di una vita spesa su campi di sabbia e terra, vivendo ai confini tra legalità e delinquenza, e appropriandosi del termine “Mister” senza alcun titolo, ecco Sig. Marelli, è da li che nascono i problemi che poi portano i giovani arbitri in ospedale. [- cancellate alcune affermazioni: evitiamo accuse pesanti non dimostrabili, per cortesia]. Sembra che, con un costume tutto italiano, le cose non vogliano essere viste. Lei sa, quali vessazioni subiscono ragazzi di 14/15 anni all’interno di uno spogliatoio, da questi mascalzoni che nella vita non sono riusciti nemmeno a fare una O col bicchiere? E sono al soldo di pseudo presidenti di associazioni dilettantistiche sportive, che pensano di essere alla presidenza del Bayern Monaco. Le vedo solo io queste cose Sig Marelli? Il problema è che come sempre, si fa finta di non vedere. La federazione, lento pachiderma mangiasoldi, bada poco (e spesso non bada affatto) alla qualità e a livello di serietà delle società dilettantistiche.
    Si è sempre detto che il calcio toglie i ragazzi dalla strada. Lei pensa davvero che tale affermazione sia vera? Forse lo è dal punto di vista pratico. Ma dal punto di vista educativo, crea un ambiente che è tutto tranne educativo. Di fatto , la violenza, di cui lei parla nel suo articolo, è solo amplificata, all’interno di un ambiente gestito troppo spesso da incapaci, persone il cui spessore culturale, ma soprattutto morale, è infimo. Vede, fin che sarà il denaro a dettare le regole ed i tempi, non ci si lamenti che poi un ragazzino di 15 anni che indossa una divisa gialla, prenda gli schiaffi in un campo di periferia, dove l’unica legge che vige è quella del più forte. Abituare i nostri ragazzi al rispetto dell’autorità Sig Marelli, non cosa facile, ed è uno dei problemi così seri, che sta spingendo il nostro paese verso il basso, facendolo assomigliare sempre più ad un paese centro Africano, piuttosto che ad un modello Scandinavo. La saluto cordialmente.

    Rispondi
  2. PURTROPPO Anonimo
    PURTROPPO Anonimo dice:

    Io sono una vittima del sistema aggredito con un bastone di legno in campo da un dirigente accompagnatore ufficiale in una gara di giovanissimi b sono rovinosamente caduto in terra stordito soccorso da un C.C. e accompagnato alla ospedAle con AUTOBULANZA prognosi di guarigione lunGa e ulteriori complicazioni vedo punito il mio aggressore con 2 anni e poco più di squalifica più la perdita della partita.MI TOLGO DALL AIA PERCHE’ MI FA SCHIFO TUTTO QUESTO MONDO PERCHE ‘ E SOPRATUTTO PERCHEB ORMAI SONO SEGNATO SIA PERSONALMENTE SIA CATTERIALMENTE E SIA PER UNA TRANQUILLITA FAMILIARE E NON MI SENTO PIÙ INGRADO DI SCENDERE IN CAMPO PER I VARI MOTIVI PIÙ SCONTATI SFOTTORI ECC
    il mio aggressione si scopre che è nulla tenente la società non vuole risarcire i danni io non ho i soldi per andare avanti e ho paura che anche se vinco la causa è finalmente vedermi riconosciuta un po’ di giustizia mi ritrovo a sborsare talmente di quei soldi che mi tocca essere ancora una volta mazziato..
    Scusate il maiuscolo ma il tasto si incanta..!

    Rispondi
  3. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    il gioco del calcio non è un isola felice, è parte integrante della nostra società quindi ne ha le stesse caratteristiche belle e brutte, lo sport è uno degli specchi della nostra cultura, il calcio la rappresenta al “meglio” mostrando il peggio del peggio che l’essere umano possa manifestare, dal dilettantismo al professionismo con le debite proporzioni si possono elencare nefandezze di ogni genere, doping, combine tra giocatori, arbitri e società, scommesse, al dio denaro che compra e corrompe qualunque idea di legalità e correttezza in campo e fuori dal campo, evito di entrare nei dettagli delle compravendite, favoritismi, intrallazzi, accordi più o meno legali tra gli addetti ai lavori per danneggiare gli avversari o leghe inferiori, magari favorendo alcuni diritti televisivi ecc… insomma la lista sarebbe lunga e sorprendente per le variegate sfaccettature più o meno visibili e legali che il pianeta calcio offre a chi lo pratica direttamente o indirettamente.
    Ovvio che in questo bailamme gli attori principali quelli che pesano economicamente quindi politicamente non hanno nessun interesse che le cose cambino o migliorino per tutti, vige la legge del più forte tende a sopraffare chiunque metta a rischio i propri investimenti economici e finanziari, come succede nella vita di tutti i giorni, in ogni settore, ambiente o area di influenza politica-economica questa Italia mostra palesemente lobby di potere che soverchiano gli interessi collettivi-pubblici per agevolare i propri personali, determinando la debolezza non solo del sistema calcio ma dell’intero Paese.

    Rispondi
  4. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    off topic ma non di molto, la riprova che il dio denaro marcisce ogni cosa che tocca è l’aver spostato all’ora di pranzo il derby Milan-Inter solo perchè i nuovi proprietari sono cinesi.
    Figuratevi cosa può succedere nelle specifiche sedi federali quando devono decidere regole e molto altro.
    L’eccessiva concentrazione di denaro in poche mani produce terra bruciata intorno a se per eliminare ogni concorrenza, questo principio vale per il mondo del Calcio come nell’imprenditoria.

    Rispondi
  5. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    la partita Real-Bayern esempio di come è possibile scatenare la violenza, intesi sempre e comunque da condannare, ma io da semplice spettatore mi sono innervosito parecchio, posso immaginare i tifosi del Bayern o gli stessi giocatori a fine partita.
    La VAR in questo caso avrebbe dato un altro risultato.

    Rispondi
  6. oleg_bunin
    oleg_bunin dice:

    Un quadro grottesco ma piuttosto verosimile, figlio del fatto che le botte agli arbitri da parte dei calciatori e dirigenti non fanno poi tanto notizia, semplicemente perche avvengono piu spesso del contrario.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 commenti
  1. Nicola Masotti
    Nicola Masotti dice:

    Gentile Sig Marelli
    sono davvero colpito dal Suo articolo.
    Sono coplito perchè in questo settore, di norma, nessuno mai si sbilancia, commentando quanto , a determinati livelli, personaggi che sono al comando, possano influenzare l’andamento disciplinare di uno sport, che è sempre meno sport, e sempre più campo di battaglia. Sono stato per anni dirigente di una società calcistica dilettantistica, e mi creda, ho visto cose che quasi mi vergogno a narrare. La questione Sig Marelli, è di fatto molto più semplice di quanto si creda: di “punizioni esemplari” Lei non sentirà mai parlare, semplicemente perché le società di calcio foraggiano con le loro iscrizioni l’intera Figc. Non vi è altra ragione. Vede , consentire a determinate persone di poter “allenare” (e mi scuso con veri allenatori per aver usato questo termine) è il vero crimine. Gente che convive nelle frustrazioni di una vita spesa su campi di sabbia e terra, vivendo ai confini tra legalità e delinquenza, e appropriandosi del termine “Mister” senza alcun titolo, ecco Sig. Marelli, è da li che nascono i problemi che poi portano i giovani arbitri in ospedale. [- cancellate alcune affermazioni: evitiamo accuse pesanti non dimostrabili, per cortesia]. Sembra che, con un costume tutto italiano, le cose non vogliano essere viste. Lei sa, quali vessazioni subiscono ragazzi di 14/15 anni all’interno di uno spogliatoio, da questi mascalzoni che nella vita non sono riusciti nemmeno a fare una O col bicchiere? E sono al soldo di pseudo presidenti di associazioni dilettantistiche sportive, che pensano di essere alla presidenza del Bayern Monaco. Le vedo solo io queste cose Sig Marelli? Il problema è che come sempre, si fa finta di non vedere. La federazione, lento pachiderma mangiasoldi, bada poco (e spesso non bada affatto) alla qualità e a livello di serietà delle società dilettantistiche.
    Si è sempre detto che il calcio toglie i ragazzi dalla strada. Lei pensa davvero che tale affermazione sia vera? Forse lo è dal punto di vista pratico. Ma dal punto di vista educativo, crea un ambiente che è tutto tranne educativo. Di fatto , la violenza, di cui lei parla nel suo articolo, è solo amplificata, all’interno di un ambiente gestito troppo spesso da incapaci, persone il cui spessore culturale, ma soprattutto morale, è infimo. Vede, fin che sarà il denaro a dettare le regole ed i tempi, non ci si lamenti che poi un ragazzino di 15 anni che indossa una divisa gialla, prenda gli schiaffi in un campo di periferia, dove l’unica legge che vige è quella del più forte. Abituare i nostri ragazzi al rispetto dell’autorità Sig Marelli, non cosa facile, ed è uno dei problemi così seri, che sta spingendo il nostro paese verso il basso, facendolo assomigliare sempre più ad un paese centro Africano, piuttosto che ad un modello Scandinavo. La saluto cordialmente.

    Rispondi
  2. PURTROPPO Anonimo
    PURTROPPO Anonimo dice:

    Io sono una vittima del sistema aggredito con un bastone di legno in campo da un dirigente accompagnatore ufficiale in una gara di giovanissimi b sono rovinosamente caduto in terra stordito soccorso da un C.C. e accompagnato alla ospedAle con AUTOBULANZA prognosi di guarigione lunGa e ulteriori complicazioni vedo punito il mio aggressore con 2 anni e poco più di squalifica più la perdita della partita.MI TOLGO DALL AIA PERCHE’ MI FA SCHIFO TUTTO QUESTO MONDO PERCHE ‘ E SOPRATUTTO PERCHEB ORMAI SONO SEGNATO SIA PERSONALMENTE SIA CATTERIALMENTE E SIA PER UNA TRANQUILLITA FAMILIARE E NON MI SENTO PIÙ INGRADO DI SCENDERE IN CAMPO PER I VARI MOTIVI PIÙ SCONTATI SFOTTORI ECC
    il mio aggressione si scopre che è nulla tenente la società non vuole risarcire i danni io non ho i soldi per andare avanti e ho paura che anche se vinco la causa è finalmente vedermi riconosciuta un po’ di giustizia mi ritrovo a sborsare talmente di quei soldi che mi tocca essere ancora una volta mazziato..
    Scusate il maiuscolo ma il tasto si incanta..!

    Rispondi
  3. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    il gioco del calcio non è un isola felice, è parte integrante della nostra società quindi ne ha le stesse caratteristiche belle e brutte, lo sport è uno degli specchi della nostra cultura, il calcio la rappresenta al “meglio” mostrando il peggio del peggio che l’essere umano possa manifestare, dal dilettantismo al professionismo con le debite proporzioni si possono elencare nefandezze di ogni genere, doping, combine tra giocatori, arbitri e società, scommesse, al dio denaro che compra e corrompe qualunque idea di legalità e correttezza in campo e fuori dal campo, evito di entrare nei dettagli delle compravendite, favoritismi, intrallazzi, accordi più o meno legali tra gli addetti ai lavori per danneggiare gli avversari o leghe inferiori, magari favorendo alcuni diritti televisivi ecc… insomma la lista sarebbe lunga e sorprendente per le variegate sfaccettature più o meno visibili e legali che il pianeta calcio offre a chi lo pratica direttamente o indirettamente.
    Ovvio che in questo bailamme gli attori principali quelli che pesano economicamente quindi politicamente non hanno nessun interesse che le cose cambino o migliorino per tutti, vige la legge del più forte tende a sopraffare chiunque metta a rischio i propri investimenti economici e finanziari, come succede nella vita di tutti i giorni, in ogni settore, ambiente o area di influenza politica-economica questa Italia mostra palesemente lobby di potere che soverchiano gli interessi collettivi-pubblici per agevolare i propri personali, determinando la debolezza non solo del sistema calcio ma dell’intero Paese.

    Rispondi
  4. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    off topic ma non di molto, la riprova che il dio denaro marcisce ogni cosa che tocca è l’aver spostato all’ora di pranzo il derby Milan-Inter solo perchè i nuovi proprietari sono cinesi.
    Figuratevi cosa può succedere nelle specifiche sedi federali quando devono decidere regole e molto altro.
    L’eccessiva concentrazione di denaro in poche mani produce terra bruciata intorno a se per eliminare ogni concorrenza, questo principio vale per il mondo del Calcio come nell’imprenditoria.

    Rispondi
  5. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    la partita Real-Bayern esempio di come è possibile scatenare la violenza, intesi sempre e comunque da condannare, ma io da semplice spettatore mi sono innervosito parecchio, posso immaginare i tifosi del Bayern o gli stessi giocatori a fine partita.
    La VAR in questo caso avrebbe dato un altro risultato.

    Rispondi
  6. oleg_bunin
    oleg_bunin dice:

    Un quadro grottesco ma piuttosto verosimile, figlio del fatto che le botte agli arbitri da parte dei calciatori e dirigenti non fanno poi tanto notizia, semplicemente perche avvengono piu spesso del contrario.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Di Canio, perbenismo ed ipocrisia a tonnellate

No, non sono mai stato fascista, non ho mai tollerato gli ideali del fascismo, non ho mai nemmeno preso in considerazione centinaia di post demenziali che riportano quanto di buono sarebbe stato fatto in quel periodo.
Il solo ricordo delle leggi razziali basta ed avanza per sotterrare qualsiasi altra valutazione sul ventennio. Non ho alcun problema a scriverlo: il fascismo fa schifo e chi cavalca quel periodo è, per la gran parte, una fascia (estremamente limitata, per fortuna) di persone di scarsissima cultura e discutibile intelligenza. Non è certo un caso che la figura di Mussolini venga esaltata assieme a presunte riforme introdotte in quegli anni, dimenticando totalmente la repressione delle libertà personali, l’oblio imposto agli ebrei, i massacri cirenaici ed etiopi.

screenshot_1 screenshot_2 screenshot_3

Sono solo alcuni esempi della propaganda fascista e delle misure di discriminazione imposte nel nostro paese in quel periodo. Non credo ci sia altro da aggiungere.

Francamente non ho la minima idea del livello culturale di Di Canio. L’ho conosciuto personalmente una decina di anni fa, durante l’ultimo periodo della sua carriera. In campo un rompipalle di dimensioni colossali, sempre pronto alla protesta sebbene mai offensivo. Fuori dal campo, al contrario, ho conosciuto una persona assolutamente cortese, disponibile al dialogo, capace di parlare in un italiano apprezzabile (merce rara tra i calciatori).

Del fatto che Di Canio sia stato e sia chiaramente schierato per la destra sociale (come definisce egli stesso la sua appartenenza politica) non è certo un mistero. Non era un mistero quando alzava il braccio destro all’Olimpico, non era un mistero quando scriveva della sua vita in uno dei pochi libri autobiografici che ho trovato interessante e, nello stesso tempo, detestabile per le convinzioni politiche dell’autore.

La vicenda di questi giorni, per quanto marginale per la storia del paese, ha messo in mostra tutta l’ipocrisia che pervade non solo il popolo italiano ma l’intera comunità mondiale.

Paolo Di Canio, probabilmente senza nemmeno rifletterci o, forse, per un qualche accordo commerciale (non credo sia casuale il marchio ben conosciuto sulla sua polo in occasione della trasmissione che ha originato tutto il caos mediatico) ha esposto un tatuaggio vergognoso, inutile girarci attorno. Vergognoso non tanto per il messaggio che reca con sé ma per il fatto che contiene una parola che fa parte della nostra storia ma non può essere veicolata in alcun modo per fini propagandistici.

Di Canio voleva porre in essere propaganda politica mostrando quel tatuaggio? Direi proprio di no, chi afferma ciò sta forzando oltre l’estremo un episodio molto marginale ma che è stato giusto evidenziare. E c’è una bella differenza tra condannare un gesto e condannare l’autore: condannando l’autore finiremmo nel gruppo di coloro che cavalcano il giustizialismo anche per le più marginali sciocchezze.

In questi giorni ho letto autentiche idiozie sull’episodio: si è passati dal “non fa male a nessuno” a “il fascismo da soli non è un reato, bisogna essere almeno in 5”, dal “ognuno è libero di tatuarsi quel che vuole” a “Di Canio alzava il braccio per convinzioni personali ma per sentirsi più vicino alla curva”. Insomma, un vasto spettro di opinioni degne del miglior esemplare di “diversamente intelligente”.

screenshot_4 screenshot_5

Di Canio, in questi atteggiamenti, non ci stupiva nemmeno più. Ed è questo il vero errore: Di Canio, da calciatore, ha potuto farsi notare in varie occasioni per un gesto chiaramente evocativo e chiaramente inneggiante all’orribile ricordo del ventennio fascista. Ha potuto farlo perchè, nei suoi confronti, non è mai stata aperta nemmeno un’indagine, non è mai stato squalificato, non è mai stato sottoposto ad alcun procedimento per un gesto chiaramente, indiscutibilmente, palesemente passibile di sanzione penale (per chi fosse interessato, questo il link della norma di riferimento: http://lombardia.anpi.it/media/blogs/lombardia/documenti/1-7-legge_3_1952_L645_Scelba.pdf ).

Il vero vulnus di questa vicenda è proprio la mancanza di coerenza: Di Canio non è diventato sostenitore della destra estrema sabato durante la trasmissione, Di Canio lo è sempre stato. Per quanto mi riguarda, ad esempio, lo ascoltavo perchè lo trovavo piacevole, competente, decisamente differente dal piattume dell’opinionismo sportivo a cui siamo abituati. D’altronde il calcio è da sempre spiegato e trattato da persone con le idee più diverse, oltre che da una miriade di mezze figure che non capiscono nulla dell’argomento o che hanno solo due cosce da far mostrare a spettatori che hanno bisogno di televisione o pc per vedere una donna mezza svestita (spiace essere duri ma la presenza di donne mezze “biotte” in televisione è da sempre motivato da questioni di ascolto).

La decisione di SkySport, che ha optato per la sospensione (anche se, in realtà, si tratta di un vero e proprio allontanamento), è francamente imbarazzante. E non per un motivo particolare ma per una serie di motivi che andrò ad elencare brevemente:
– Sia i dirigenti di Sky che gli spettatori (in gran parte esperti di calcio o, comunque, conoscitori del calcio) sapevano perfettamente chi fosse Di Canio e quali fossero le sue idee;
Si crea un precedente pericolosissimo a meno che non si voglia punire solo Di Canio per un tatuaggio (peraltro osceno). Che si fa da ora in poi? Non si mandano più in onda le dichiarazioni di Salvini? Si sorvola su manifestazioni dell’estrema destra? Si allontana dallo schermo chiunque venga scoperto a pronunciare mezza frase fuori posto?
– Mi fa ridere il comunicato con cui l’azienda si scusa per il problema occorso, come se fosse apparso per sbaglio Rocco Siffredi alle 22 che spiegava come accedere ai canali porno di Sky. Ah no, scusate, la pubblicità dei canali porno di Sky è passata anche ieri sera alle 22.30…

In sostanza ritengo abbastanza normale che si sia scatenato un dibattito enorme sulla questione perchè il motivo è molto importante e troppo spesso sottovalutato. Sottovalutato perchè in varie occasioni abbiamo assistito ad espressioni estremiste e molto raramente si è proceduto alla punizione di tali gesti mediante l’applicazione di una legge vetusta ma perfetta sia nella struttura che nelle disposizioni penali.
Talmente normale il dibattito che, in tutta franchezza, mi aspettavo una multa salata a carico di Di Canio per aver involontariamente (no, non credo alla premeditazione) messo in mostra un segno di chiara esaltazione di un periodo oscuro. Vent’anni, non dimentichiamolo mai, che sono stati vissuti sotto la guida di un partito che seminato sangue e vittime in Africa ed in Europa, distrutto migliaia di famiglie, perseguitato centinaia di migliaia di persone colpevoli di non essere di origine “ariana” (tra virgolette perchè le stupidaggini vanno ricordate ma isolate…).
Di certo non mi aspettavo addirittura l’allontanamento che mi “suona” più come chirurgia “estetica” per ricostruire un imene vergineo che una scelta ponderata a fondo, con ogni probabilità sulla scia della sollecitazione dall’opinione pubblica che, come sempre, ha analizzato il problema “ora e subito” senza riflettere sul contesto generale, sul passato di Di Canio e sull’effettiva gravità dell’episodio.

Da parte mia spero che si arrivi ad una ricomposizione della vicenda e la soluzione, alla fine, è veramente molto semplice:
– consentire a Di Canio di partecipare alla sue trasmissioni in audio ed in video (ruoli nei quali è oggettivamente bravissimo);
– far passare per qualche tempo un messaggio di scuse dello stesso Di Canio (attenzione: solo scuse per aver mostrato quella scritta; non deve rinnegare le sue idee, altrimenti diverremmo fascisti noi ad imporre un tal comportamento);
– presenziare negli studi in camicia o magliette a maniche lunghe. E’ stato imposto a Clattenburg (che arbitra con le maniche lunghe anche con 93 gradi all’ombra per coprire tatuaggi di dubbio gusto sulle braccia), potrà farlo anche Di Canio.

Ricordandoci sempre che, in televisione, la competenza è merce rara. In Italia, poi, la qualità è praticamente solo a pagamento e sarebbe veramente un peccato non poter più ascoltare la competenza di un personaggio atipico come Di Canio per farlo diventare il capro espiatorio di qualche effimera tonnellata di ipocrisia.

6 commenti
  1. Nicola Masotti
    Nicola Masotti dice:

    Gentile Sig Marelli
    sono davvero colpito dal Suo articolo.
    Sono coplito perchè in questo settore, di norma, nessuno mai si sbilancia, commentando quanto , a determinati livelli, personaggi che sono al comando, possano influenzare l’andamento disciplinare di uno sport, che è sempre meno sport, e sempre più campo di battaglia. Sono stato per anni dirigente di una società calcistica dilettantistica, e mi creda, ho visto cose che quasi mi vergogno a narrare. La questione Sig Marelli, è di fatto molto più semplice di quanto si creda: di “punizioni esemplari” Lei non sentirà mai parlare, semplicemente perché le società di calcio foraggiano con le loro iscrizioni l’intera Figc. Non vi è altra ragione. Vede , consentire a determinate persone di poter “allenare” (e mi scuso con veri allenatori per aver usato questo termine) è il vero crimine. Gente che convive nelle frustrazioni di una vita spesa su campi di sabbia e terra, vivendo ai confini tra legalità e delinquenza, e appropriandosi del termine “Mister” senza alcun titolo, ecco Sig. Marelli, è da li che nascono i problemi che poi portano i giovani arbitri in ospedale. [- cancellate alcune affermazioni: evitiamo accuse pesanti non dimostrabili, per cortesia]. Sembra che, con un costume tutto italiano, le cose non vogliano essere viste. Lei sa, quali vessazioni subiscono ragazzi di 14/15 anni all’interno di uno spogliatoio, da questi mascalzoni che nella vita non sono riusciti nemmeno a fare una O col bicchiere? E sono al soldo di pseudo presidenti di associazioni dilettantistiche sportive, che pensano di essere alla presidenza del Bayern Monaco. Le vedo solo io queste cose Sig Marelli? Il problema è che come sempre, si fa finta di non vedere. La federazione, lento pachiderma mangiasoldi, bada poco (e spesso non bada affatto) alla qualità e a livello di serietà delle società dilettantistiche.
    Si è sempre detto che il calcio toglie i ragazzi dalla strada. Lei pensa davvero che tale affermazione sia vera? Forse lo è dal punto di vista pratico. Ma dal punto di vista educativo, crea un ambiente che è tutto tranne educativo. Di fatto , la violenza, di cui lei parla nel suo articolo, è solo amplificata, all’interno di un ambiente gestito troppo spesso da incapaci, persone il cui spessore culturale, ma soprattutto morale, è infimo. Vede, fin che sarà il denaro a dettare le regole ed i tempi, non ci si lamenti che poi un ragazzino di 15 anni che indossa una divisa gialla, prenda gli schiaffi in un campo di periferia, dove l’unica legge che vige è quella del più forte. Abituare i nostri ragazzi al rispetto dell’autorità Sig Marelli, non cosa facile, ed è uno dei problemi così seri, che sta spingendo il nostro paese verso il basso, facendolo assomigliare sempre più ad un paese centro Africano, piuttosto che ad un modello Scandinavo. La saluto cordialmente.

    Rispondi
  2. PURTROPPO Anonimo
    PURTROPPO Anonimo dice:

    Io sono una vittima del sistema aggredito con un bastone di legno in campo da un dirigente accompagnatore ufficiale in una gara di giovanissimi b sono rovinosamente caduto in terra stordito soccorso da un C.C. e accompagnato alla ospedAle con AUTOBULANZA prognosi di guarigione lunGa e ulteriori complicazioni vedo punito il mio aggressore con 2 anni e poco più di squalifica più la perdita della partita.MI TOLGO DALL AIA PERCHE’ MI FA SCHIFO TUTTO QUESTO MONDO PERCHE ‘ E SOPRATUTTO PERCHEB ORMAI SONO SEGNATO SIA PERSONALMENTE SIA CATTERIALMENTE E SIA PER UNA TRANQUILLITA FAMILIARE E NON MI SENTO PIÙ INGRADO DI SCENDERE IN CAMPO PER I VARI MOTIVI PIÙ SCONTATI SFOTTORI ECC
    il mio aggressione si scopre che è nulla tenente la società non vuole risarcire i danni io non ho i soldi per andare avanti e ho paura che anche se vinco la causa è finalmente vedermi riconosciuta un po’ di giustizia mi ritrovo a sborsare talmente di quei soldi che mi tocca essere ancora una volta mazziato..
    Scusate il maiuscolo ma il tasto si incanta..!

    Rispondi
  3. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    il gioco del calcio non è un isola felice, è parte integrante della nostra società quindi ne ha le stesse caratteristiche belle e brutte, lo sport è uno degli specchi della nostra cultura, il calcio la rappresenta al “meglio” mostrando il peggio del peggio che l’essere umano possa manifestare, dal dilettantismo al professionismo con le debite proporzioni si possono elencare nefandezze di ogni genere, doping, combine tra giocatori, arbitri e società, scommesse, al dio denaro che compra e corrompe qualunque idea di legalità e correttezza in campo e fuori dal campo, evito di entrare nei dettagli delle compravendite, favoritismi, intrallazzi, accordi più o meno legali tra gli addetti ai lavori per danneggiare gli avversari o leghe inferiori, magari favorendo alcuni diritti televisivi ecc… insomma la lista sarebbe lunga e sorprendente per le variegate sfaccettature più o meno visibili e legali che il pianeta calcio offre a chi lo pratica direttamente o indirettamente.
    Ovvio che in questo bailamme gli attori principali quelli che pesano economicamente quindi politicamente non hanno nessun interesse che le cose cambino o migliorino per tutti, vige la legge del più forte tende a sopraffare chiunque metta a rischio i propri investimenti economici e finanziari, come succede nella vita di tutti i giorni, in ogni settore, ambiente o area di influenza politica-economica questa Italia mostra palesemente lobby di potere che soverchiano gli interessi collettivi-pubblici per agevolare i propri personali, determinando la debolezza non solo del sistema calcio ma dell’intero Paese.

    Rispondi
  4. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    off topic ma non di molto, la riprova che il dio denaro marcisce ogni cosa che tocca è l’aver spostato all’ora di pranzo il derby Milan-Inter solo perchè i nuovi proprietari sono cinesi.
    Figuratevi cosa può succedere nelle specifiche sedi federali quando devono decidere regole e molto altro.
    L’eccessiva concentrazione di denaro in poche mani produce terra bruciata intorno a se per eliminare ogni concorrenza, questo principio vale per il mondo del Calcio come nell’imprenditoria.

    Rispondi
  5. Clesippo Geganio
    Clesippo Geganio dice:

    la partita Real-Bayern esempio di come è possibile scatenare la violenza, intesi sempre e comunque da condannare, ma io da semplice spettatore mi sono innervosito parecchio, posso immaginare i tifosi del Bayern o gli stessi giocatori a fine partita.
    La VAR in questo caso avrebbe dato un altro risultato.

    Rispondi
  6. oleg_bunin
    oleg_bunin dice:

    Un quadro grottesco ma piuttosto verosimile, figlio del fatto che le botte agli arbitri da parte dei calciatori e dirigenti non fanno poi tanto notizia, semplicemente perche avvengono piu spesso del contrario.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *